“Non fu suicidio, ma femminicidio”: dopo mesi arrestato il marito, la verità in un disegno del figlio

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Sembrava fosse stato un suicidio ma, dopo alcuni mesi, è emersa la verità: si è trattato di femminicidio. Un uomo di 44 anni, Ahmed Mustak, è stato arrestato oggi a Genova, con l’accusa di aver ucciso la moglie Sharmin Sultana, 32 anni. La donna era morta lo scorso 7 marzo: si pensava che si fosse tolta la vita lanciandosi dalla finestra di casa, al secondo piano di un edificio nel quartiere di Sestri Ponente.

Nel momento in cui accaddero i fatti, gli acquirenti notarono la finestra aperta, ma non vi erano apparenti tracce di sangue sull’asfalto, sebbene ve ne fossero sul muro tra il secondo e il primo piano. La vittima, inoltre, aveva una strana ferita alla testa. I familiari della donna, originaria del Bangladesh, avevano subito espresso dubbi sul marito, ma la svolta è arrivata soltanto in questi giorni.

Mustak, sostiene l’accusa, è stato scoperto anche grazie a un disegno fatto dal figlio più grande, che ha 9 anni. Gli investigatori, coordinati dal sostituto procuratore Marcello Maresca, hanno ricostruito che l’uomo vessava continuamente la donna, che stava cercando di liberarsi di lui, anche attraverso alcuni contenuti pubblicati su TikTok, che raccoglievano numerose visualizzazioni. La stessa azienda per la quale lavorava l’uomo sospettava che qualcosa non andasse.

La vittima, Sharmin Sultana
La vittima, Sharmin Sultana

In seguito alla morte di Sharmin Sultana, pare che lo stesso Mustak avrebbe indotto la figlia più piccola a rendere dichiarazioni non compromettenti nei suoi confronti. “Papà si è arrabbiato e ha sbattuto la testa della mamma a terra”, è una delle loro drammatiche testimonianze. Decisive, per arrivare all’arresto, anche le testimonianze dei parenti della donna. Il 44enne ora è accusato di omicidio volontario e maltrattamenti in famiglia. Il giudice, disponendo l’incarcerazione, ha indicato il “pericolo di inquinamento probatorio” come il più grave, perché l’uomo era rimasto solo con i due figli.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria