Urla nella notte, marito violento tenta di uccidere la moglie: arrestato

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Urla strazianti nel cuore della notte svegliano il quartiere di Pianura, alla periferia occidentale di Napoli. I carabinieri in servizio presso la locale stazione, situata al piano terra di un palazzo in via Michele Galdieri, sentono distintamente le richieste disperate di aiuto provenienti da un appartamento nelle vicinanze.

Carabinieri intervengono in soccorso della donna ferita

Si precipitano sul posto e individuano l’abitazione da cui provengono le grida di una donna. La porta d’ingresso è chiusa a chiave e i militari, con l’aiuto dei vigili del fuoco, la sfondano per poter entrare e soccorrere la vittima. La donna ha una profonda ferita da arma da taglio al braccio, probabilmente inflitta con un coltello durante una violenta lite con il marito, che l’ha rinchiusa in casa prima di allontanarsi. Soccorsa e trasportata in ospedale, i medici giudicano la lesione guaribile in una ventina di giorni.

Arrestato il marito violento

Ascoltata dai carabinieri, la signora denuncia anni di vessazioni e violenze domestiche da parte del coniuge, spesso consumate davanti ai figli minorenni della coppia. L’episodio di quella notte sarebbe solo l’ultimo di una lunga serie. Le immediate ricerche avviate consentono di rintracciare l’uomo poco distante, ancora per strada. Viene arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e tradotto nel carcere di Poggioreale, in attesa dell’udienza di convalida.

Le violenze e il racconto

In sede di denuncia la donna ha raccontato delle violenze a cui da tempo la sottoponeva il marito, anche davanti ai due figli minorenni; una lunga serie di episodi, fino a quello di pochi minuti prima, quando, dopo averla accoltellata, era andato via. 

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria