Addio a Giulia De Marco, tra le prime donne giudici, moglie di Luciano Violante

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Addio a Giulia De Marco, moglie di Luciano Violante. La moglie dell’ex presidente della Camera dei deputati è stata giudice e presidente del tribunale di Torino.

“Desidero esprimere sincero e profondo cordoglio a Luciano Violante e alla sua famiglia per la scomparsa di Giulia De Marco. A loro la mia affettuosa vicinanza e le sentite condoglianze del Senato della Repubblica”, ha affermato il presidente del Senato Ignazio La Russa.

“A nome mio personale e della Camera dei deputati, rivolgo al Presidente Luciano Violante le espressioni del più profondo cordoglio per la scomparsa della moglie, Giulia De Marco. Giungano ai familiari le più sentite condoglianze”, il messaggio inviato dal presidente della Camera, Lorenzo Fontana.

I funerali si celebreranno nel capoluogo piemontese.

Chi era Giulia De Marco

Giulia De Marco si è spenta stanotte a Torino. Nata a Cosenza il 21 febbraio 1940 aveva 83 anni. Giudice minorile dal 1982, all’età di 57 anni era stata presidente del tribunale dei Minori di Torino succedendo a Camillo Losanna. In magistratura dal 1965 aveva cominciato la carriera a Milano, poi a Brindisi e dal 1968 a Torino dove era stata pretore del lavoro fino a quando non aveva cominciato ad occuparsi di problemi dell’infanzia.

Donna molto riservata, mamma di due figli, Gianluca e Francesca, aveva la passione per la montagna che condivideva con il marito con cui trascorreva le vacanze a Cogne, in Valle D’Aosta.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

L’eurodeputata maltese Roberta Metsola è stata rieletta oggi, martedì 16 luglio, alla presidenza del Parlamento europeo. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto a Strasburgo, ha visto Metsola ottenere un’ampia maggioranza con 562 voti a favore su un totale di 699 votanti, un risultato ampiamente previsto, grazie al sostegno dei popolari, dei socialisti e dei liberali. […]