L’affitto è troppo caro e una coppia va a vivere in barca, i vantaggi

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’inflazione galoppante e l’aumento vertiginoso degli affitti stanno mettendo in difficoltà molte famiglie in tutto il mondo. Per far fronte a questa situazione, una coppia australiana ha preso una decisione insolita: acquistare una barca e andare a viverci.

Una coppia australiana si trasferisce in barca per risparmiare

Scott Trevethan e sua moglie Sandy, stanchi di sprecare soldi per l’affitto del loro appartamento a Melbourne, hanno comprato una barca da 59.000 sterline (circa 78.000 euro) e l’hanno ribattezzata “Tenacity” (Tenacia). Come ha spiegato Scott, nella vita ci vuole grinta per realizzare i propri sogni. Ovviamente acquistare una barca abitabile non è stato facile per le finanze della coppia. Per renderla vivibile, Scott e Sandy hanno dovuto investire altre 39.000 sterline in lavori di ristrutturazione e adattamento degli spazi interni.

Il sacrificio economico ma la libertà conquistata

Un sacrificio economico notevole, ma ne è valsa la pena secondo loro. Scott lavora come CEO di una società finanziaria, mentre Sandy è General Manager. Entrambi hanno uno stipendio medio-alto che gli permette di sostenere le spese di mantenimento della barca. “L’idea è nata scherzando su quanto sarebbe bello scappare dalla quotidianità stressante – racconta Scott – poi l’abbiamo messa per iscritto e ci siamo resi conto che poteva funzionare sul serio”.

La scelta di vivere in barca: coraggio e creatività

Vivere in barca comporta ovviamente una rivoluzione dello stile di vita. Gli spazi sono ridotti, bisogna adattarsi ai ritmi dettati dalle maree e dal meteo, non è possibile accumulare troppe cose materiali. Ma la coppia è entusiasta di questa nuova avventura. “Il vantaggio più grande è non dover più preoccuparci dell’affitto che lievitava ogni anno” spiega Sandy. Inoltre, ancorando la barca in diversi porticcioli possono esplorare sempre nuovi luoghi senza spendere un patrimonio. Una scelta anticonvenzionale che dimostra che, con un po’ di coraggio e spirito di adattamento, è possibile trovare soluzioni creative per ridurre i costi della vita quotidiana.

Ma c’è anche chi va a vivere in crociera

“Una vita in crociera? Divertente ed economica”. E’ l’opinione di una coppia di giovani pensionati statunitensi, Angelyn Burk, 53 anni, e suo marito Richard: i due hanno in programma di trascorrere a bordo delle navi i prossimi mesi. L’ultima volta che hanno vissuto sulla terra ferma è stato a Seattle nel maggio 2021, da allora non sono praticamente più scesi dalle navi. A chiede come possano permettersi questo stile di vita, Angelyn spiega che prima di scegliere di passare la vita per mare hanno fatto i conti su quanto possono permettersi di spendere. Il budget è massimo cento dollari al giorno per entrambi, ma se necessario possono arrivare fino a 135 dollari. I vantaggi di trasferirsi a bordo di una casa galleggiante per la pensione? «Ovvio. Dove altro puoi fare in modo che il tuo resort ti porti in paesi diversi mentre ti rilassi in piscina o dormi in un comido letto?».

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria