Iran, portava male il velo, 22enne picchiata a morte

di Manuela Zanni

Morire nel 2022 per aver “portato male” il velo. E’ ancora possibile che succeda. Mahsa Amini era finita in coma dopo essere stata arrestata dalla polizia religiosa a Teheran perché non indossava lo hijab in maniera corretta. L’appello di Amnesty International: “Aprire un’inchiesta”.

 

Iran,  22enne picchiata muore dopo l’arresto

Non avrebbe portato il velo in modo corretto e, per questo motivo, una donna iraniana di 22 anni, Mahsa Amini, è morta in ospedale dopo essere stata arrestata dalla polizia religiosa a Teheran, in Iran. Secondo le autorità – riporta Iran Wire – avrebbe avuto un infarto improvviso, ma secondo i familiari la ragazza godeva di ottima salute.

I motivi dell’arresto

Gli agenti della polizia morale l’avrebbero prelevata mentre era per strada nella Capitale iraniana e portata in commissariato perché non indossava il velo in maniera consona. Ma in base a quanto alcuni testimoni hanno riferito a diversi media iraniani indipendenti, la giovane sarebbe stata picchiata e uccisa  dagli agenti. Così, per le ferite riportate, sarebbe morta poco dopo all’ospedale di Kasra,
dove la gente ha iniziato subito a radunarsi in segno di solidarietà e protesta.

Cosa dice la polizia

La polizia nega le accuse dicendo che Amini ha “improvvisamente avuto un problema cardiaco ed è stata immediatamente portata in ospedale”.

Mahsa Amini

Mahsa Amini

LEGGI ANCHE: Modella yemenita arrestata perché ha violato il dress code  islamico

La posizione di Amnesty International:  “Aprire un’inchiesta”

Secondo la sezione iraniana di Amnesty International, la ragazza “è stata arrestata in modo arbitrario  dalla polizia della moralità” e ci sono accuse rispetto a presunte torture durante la detenzione. Il presidente iraniano dell’associazione Ebrahim Raisi, come fa sapere il governo di Teheran, ha chiesto al ministero dell’Interno di aprire un’inchiesta sulla morte della ragazza.

La solidarietà sui social

Per giorni il nome della vittima, Mahsa Amini, è stato il primo in tendenza su Twitter. E molti utenti si sono schierati dalla parte della giovane in segno di solidarietà e protesta condividendo foto e video sul social network.

L’antefatto

Amini era stata fermata dalla polizia di Teheran, secondo cui la giovane non portava l’indumento in modo appropriato. Il fratello ha raccontato che dopo aver sentito delle grida provenire dalla caserma l’ha vista uscire in un’ambulanza che l’ha portata nell’ospedale dove è morta dopo tre giorni di coma. “La sua morte è imperdonabile. Continueremo a ritenere i funzionari iraniani responsabili per questi abusi dei diritti umani”, ha detto Jake Sullivan, consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca.

 Il racconto del fratello

Mahsa Amini era originaria del Kurdistan iraniano e si trovava in vacanza con la famiglia a Teheran. Il fratello Kiarash ha detto alla stampa che era stata presa dalle forze dell’ordine martedì sera per strada, davanti ai suoi occhi, e portata in caserma per una “rieducazione” a causa del modo in cui portava il velo, obbligatorio in pubblico per tutte le donne in Iran dopo la Rivoluzione islamica del 1979. Kiarash aspettava la sorella fuori dall’edificio ma, dopo avere sentito grida provenire dall’interno, l’ha vista uscire in un’ambulanza che l’ha trasportata nell’ospedale dove è stata dichiarata morta dopo tre giorni di coma. La famiglia non si arrende e vuole indagare sulla verità.

LEGGI ANCHE: Afghanistan: donne obbligate ad indossare ancora il burqa in pubblico


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

4 min

Corre voce  per entrare ad un evento esclusivo a Palermo e avere la possibilità di fare un selfie con Chiara Ferragni, 60 persone abbiano dovuto pagare 50 euro a testa. La verità però è un’altra: scopriamo, di seguito, come sono andate davvero le cose. Il “caso” dei 50 euro per un selfie di Chiara Ferragni […]

4 min

La RSU (Rappresentanza Sindacale Unitaria)  di La 7, la rete diretta da Urbano Cairo ha  emesso un comunicato sindacale attraverso il quale ha apertamente attaccato Myrta Merlino, parlando di comportamenti incivili e maleducati da parte della giornalista e conduttrice nei confronti dei lavoratori. Scopriamo, di seguito, cosa è successo. Lavoratori La7 contro Myrta Merlino, la […]

3 min

L’ultimo match del Gruppo E di Qatar 2022 che vedrà scendere in campo  il Costa Rica contro la Germania, in programma oggi 1 dicembre,  è destinato ad entrare nella storia non solo perché con una sconfitta i tedeschi subirebbero la seconda eliminazione consecutiva ai gironi ma c’è anche un’altra ragione. Scopriamo, di seguito, quale è. […]

3 min

È scomparsa  a 79 anni Christine McVie, autrice e cantante – oltre che tastierista – di molte hit del gruppo londinese dei Fleetwood Mac. Entrò a farne parte in pianta stabile nel 1971, dopo essersi sposata con il bassista John McVie e dopo l’abbandono del fondatore Peter Green.   Addio a Christine McVie, leggendaria cantautrice […]