In Inghilterra e Galles sale a 18 anni l’età minima per potersi sposare

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

In Inghilterra e Galles una nuova legge ha stabilito che, per sposarsi, è necessario aver compiuto i 18 anni. Il provvedimento è entrato in vigore il 27 febbraio, dopo l’approvazione dello scorso anno da parte del Parlamento britannico.

Età legale per il matrimonio a 18 anni

Sale da 16 a 18 anni l’età minima per potersi sposare in Inghilterra e Galles: un provvedimento proposto dal governo Tory che, tuttavia, ha trovato ampio consenso bipartisan, allargato al Labour e altre forze d’opposizione. Un momento sicuramente importante, accolto con favore dalle autorità e dalle associazioni della società civile, da tempo impegnata contro matrimoni forzati o combinati in giovane età.

La legge vieta, al di sotto della maggiore età di entrambi i contraenti, non solo i matrimoni, quanto le unioni civili o qualsiasi tipo di cerimonia nuziale religiosa tradizionale – anche se priva di valore legale. Non è più possibile, dunque, unirsi tra i 16 e i 18 anni, anche se c’è un’autorizzazione da parte dei genitori.

Cosa cambia con la nuova legge

In Inghilterra e Galles, da ora in poi, saranno validi solo i matrimoni tra maggiorenni. Sarà illegale organizzare matrimoni tra bambini in qualsiasi circostanza, con pene fino a 7 anni di carcere. Queste modifiche però, spiega la BBC, non si applicano in Scozia e Irlanda del Nord, dove l’età minima per il matrimonio rimane di 16 anni. In Irlanda del Nord ci vuole comunque il consenso dei genitori per i minori di 18 anni, ma in Scozia no.

La legge appena adottata ha valore anche per chi si sposa o si è sposato all’estero, atto da ora considerato nullo e illegittimo. Si tratta di un provvedimento che intende tutelare i diritti umani, in particolare prendendosi cura dei giovani costretti a matrimoni forzati o combinati. Il fenomeno è in crescita, in particolare in alcune comunità originarie di Paesi asiatici o africani, in espansione demografica fra i cittadini “new british“, discendenti di immigrati.

E in Italia?

Al momento in Italia non sono validi i matrimoni tra minori, ma si può chiedere un’autorizzazione al tribunale, per sposarsi a partire dai 16 anni. Nel 2019, il Codice Rosso ha introdotto il reato che punisce con il carcere duro, cioè da 1 a 5 anni, chiunque costringa qualcuno a contrarre matrimonio o unione civile, con violenza o minaccia.

Nonostante questo, purtroppo, i dati del Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale Polizia Criminale, dal 2019 al 2021, hanno rilevato 35 casi di matrimoni forzati nel nostro Paese. L’85% delle vittime sono donne, di cui un terzo minorenni e prevalentemente di origini straniere.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Alzi la mano chi non ripensa con una certa ansia ai giorni dell’esame di maturità. Oggi, 526.317 ragazzi italiani hanno affrontato questa sfida, che ha lasciato ricordi indelebili anche tra i personaggi famosi. Alcuni di loro si sono distinti con voti eccezionali, mentre altri hanno ottenuto risultati più modesti. Scopriamoli insieme. I voti dei politici […]