Guru di una setta sessuale condannato a 8.658 anni di carcere

di Redazione

Istanbul, Turchia. Un tribunale ha condannato a 8.658 anni di carcere un telepredicatore per violenza sessuale e abuso di minori.

Adnan Oktar, 66 anni, ha diretto un proprio canale TV, attraverso cui teneva sermoni religiosi circondandosi di giovani donne svestite che chiamava ‘gattine’ e opponendosi in modo particolare all’evoluzionismo.

Fu arrestato nel 2018, insieme ai suoi seguaci, a causa di una lunga serie di accuse, tra le quali quelle di gestire un’organizzazione criminale, aver compiuto reati fiscali, abusi sessuali e violazione delle severe leggi antiterrorismo turche.

Le accuse

Inizialmente gli era stata inflitta una pena detentiva di 1.075 anni ma la Corte d’appello ha ordinato un nuovo processo che ha coinvolto 215 imputati e, alla fine, la condanna è diventata ancora più pesante: 8.688 anni di carcere.

Al momento del suo arresto, nel 2018, Oktar aveva detto che le accuse contro di lui erano “bugie” ed aveva puntato il dito contro “il deep state britannico”, che era uno degli obiettivi ricorrente dei suoi sermoni. Tra le accuse a lui contestate, anche quella di avere legami con l’imam in esilio Fethullah Gulen, accusato dal governo turco di aver organizzato il fallito golpe del 2016.

Nel dettaglio, la Corte penale di Istanbul ha giudicato colpevole Oktar anche di “guida di un organizzazione illegale” e armata assimilabile a una setta, “prevenzione del diritto d’istruzione”, “tortura”, “privazione della libertà” e “registrazione di dati personali” contro i membri della sua organizzazione. Poi, il collegio giudicante ha ritenuto Oktar responsabile dei reati commessi da altri imputati, in quanto ricopriva il ruolo di dirigente.

Adnan Oktar

Adnan Oktar

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Come ha reagito il predicatore

Parlando dopo l’annuncio del verdetto, Adnan Oktar ha detto: “Il nostro amore per voi è totale. Abbiamo piena fiducia nel nostro Stato. Siamo soddisfatti del verdetto. Dio ha emesso il verdetto. Allah lo fa per glorificare. Ci sono giorni bellissimi nella nostra vita. L’Islam dominerà il mondo. Anche la Turchia sarà un paese bellissimo. Che il verdetto sia di buon auspicio”.

Al termine dell’udienza, Oktar è stato allontanato per primo dall’aula. Quando è stato portato fuori, tutti gli imputati e il pubblico si sono alzati in piedi e hanno applaudito, dicendo: “Sei un leone, ben fatto”.

LEGGI ANCHE: Uccide l’ex moglie e il suo compagno, poi si toglie la vita.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Una dei maltrattamenti che ha preso piede negli ultimi anni è la violenza online.  Si tratta di abusi che si verificano principalmente sui social e sulle applicazioni di messaggistica. Ma non solo: si manifesta anche nel controllo ossessivo dei computer, cellulari del proprio partner. Ci sono dei segnali chiarissimi e assolutamente da non sottovalutare. Leggi […]

3 min

Alla vigilia della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne (25 novembre), i carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno stilato un bilancio dei risultati conseguiti nel contrasto alla più odiosa forma di reato. Con i numeri, anche un video per entrare “virtualmente” nelle case dei Napoletani e, perché no, anche negli smartphone. I numeri terrificanti […]