Femminicidio, La Russa propone manifestazione di soli uomini

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Ignazio La Russa, presidente del Senato, intervenuto a L’Aria che Tira su La7, ha affermato: “Il tema del femminicidio, se fossi al governo sarebbe uno dei temi che affronterei con la maggiore energia possibile”.

Il politico siciliano ha aggiunto: “Mi viene voglia di indire una manifestazione di soli uomini, perché i femminicidi sono una questione di uomini. C’è bisogno di prendere coscienza noi uomini. Un segnale che credo debba partire da noi e dalla famiglie. Il rispetto per le donne nasce in famiglia. Se vedi tuo figlio che manca di rispetto a una ragazza tiragli un ceffone, ma tiraglielo forte”.

La Russa, inoltre, propone di raddoppiare “il numero dei carabinieri dedicati: da 600 a 1200”.

“Gravidanza oltre i 90 giorni? Allora sia duplice omicidio”

Da rimarcare, poi, la proposta di Riccardo Zucconi, Segretario di Presidenza alla Camera e deputato di Fratelli d’Italia: “Per incrementare la lotta contro il femminicidio sarebbe un segnale importante, ora al vaglio anche dei due misteri competenti e del Ministro delle Pari Opportunità Eugenia Roccella, quello di considerare un eventuale assassinio di una madre in stato interessante da più di tre mesi di gestazione un duplice omicidio. Il periodo di riferimento dei 90 giorni è proprio quello che, secondo la legge sull’aborto, permette l’interruzione legale della gravidanza (salvo casi eccezionali per i quali può essere interrotta anche in un secondo momento)”.

E ancora: “Tale misura, insieme ad altre come l’incremento dell’uso del braccialetto elettronico, darebbe un segnale importante di una risposta decisa delle istituzioni per cercare di mettere fine – o quanto meno limitare – quella che sta diventando una vera e propria strage. Basti pensare che dall’inizio dell’anno a oggi, sono già 47 le donne uccise, 39 delle quali per mano di fidanzati o mariti e negli anni i casi di omicidio di donne in gestazione non sono stati purtroppo rari. Inoltre, la stessa Corte di Cassazione sta rivalutando negli ultimi anni il fatto secondo cui un bambino non possa essere considerato ‘persona’ finché non raggiunge la piena autonomia: un segnale importante non solo dal punto di vista giuridico, ma anche per dimostrare che lo stato farà tutto il possibile per limitare i femminicidi. E’ veramente arrivato il momento di dispiegare ogni iniziativa per dire basta”.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

L’eurodeputata maltese Roberta Metsola è stata rieletta oggi, martedì 16 luglio, alla presidenza del Parlamento europeo. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto a Strasburgo, ha visto Metsola ottenere un’ampia maggioranza con 562 voti a favore su un totale di 699 votanti, un risultato ampiamente previsto, grazie al sostegno dei popolari, dei socialisti e dei liberali. […]