Alessia Pifferi, spunta una chat terribile, “lo potrai fare”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La posizione di Alessia Pifferi, la 37enne in carcere da luglio per omicidio volontario aggravato, accusata di avere lasciato da sola in casa la figlia di un anno e mezzo per sei giorni, morta di inedia, potrebbe peggiorare.

Sì, perché è spuntata una chat in cui la donna ha risposto “lo farai” a un uomo che le ha chiesto “posso baciarla?”, riferendosi alla piccola Diana.

Il dialogo, insieme ad altre chat, ha portato la Squadra mobile ad effettuare una perquisizione a carico di un 56enne, indagato per corruzione di minorenne (così come Alessia Pifferi). Accertamenti sono in corso per trovare eventuali riscontri alle chat.

L’inchiesta è condotta dalla Squadra mobile di Milano, coordinata dai pm Francesco De Tommasi e Rosaria Stagnaro.

Diana Pifferi

Diana Pifferi

Sono state analizzate numerose chat acquisite dal telefono sequestrato alla donna e sono emerse varie conversazioni tra la 37enne e vari uomini, in cui si parla anche di scambio di denaro.

Il 56enne indagato, residente in provincia di Bergamo, avrebbe chiesto alla donna se avesse potuto baciare anche la bambina e la donna ha risposto di sì.

All’uomo sono stati sequestrati due pc e un telefono.

LEGGI ANCHE: Alessia Pifferi ha rivelato il nome del padre di Diana.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’azienda ha rispettato l’impegno preso verso i propri apicoltori mantenendo le promesse fatte per il raccolto 2023. Per tutelare un settore a rischio come quello del miele, ha corrisposto ai suoi collaboratori un compenso congruo, permettendo così di garantire il futuro di questo comparto strategico per l’intero sistema agroalimentare e per la tutela degli ecosistemi […]