Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Annaffiare le piante d'appartamento: come creare un sistema di irrigazione autonomo

Hobby e Casa - 17 marzo 2010 Vedi anche: Hobby giardinaggio

La maggior parte delle donne ama i fiori e le piante ma non tutte hanno la fortuna di avere il pollice verde! In particolare le donne troppo impegnate con il lavoro e la famiglia faticano a prendersi cura delle piante d'appartamento e rischiano di farle soffrire anche soltanto perché si dimenticano di bagnarle.

Se non volete correre questo rischio potete affidarvi ad una soluzione davvero pratica: un contenitore con sistema di irrigazione autonomo che potete utilizzare per annaffiare le piante d’appartamento ma anche le piantine di un orto da balcone.

Questa soluzione è molo utile nella vita quotidiana ma anche nelle occasioni in cui vi allontanate da casa per qualche giorno. In commercio esistono molti sistemi di questo genere ma, se oltre al passatempo del giardinaggio avete anche quello del bricolage, potete realizzare un semplice sistema di irrigazione con le vostre mani.

Il principio del sistema di irrigazione per innaffiare le piante consiste nel fare arrivare l’acqua al terreno in modo graduale per capillarità.

I materiali necessari per costruire un il più semplice sistema di irrigazione con cui annaffiare le piante da appartamento in modo autonomo sono:


  • un contenitore di plastica per alimenti con coperchio su cui appoggiare il vaso della vostra pianta

  • una stringa in materiale acrilico

  • un taglierino circolare

Le istruzioni


  • Con il taglierino realizzate nel coperchio del contenitore di plastica un foro circolare in cui far passare la stringa di materiale acrilico.

  • Realizzate un nodo sull’altra estremità della stringa ed inseritela nel terreno della pianta, passando attraverso il buco che generalmente si trova sotto i vasi. Se necessario aiutatevi con un cacciavite. Assicuratevi che la stringa non esca dal vaso neppure quando sarà bagnata e quindi più pesante.

  • Riempite per tre quarti il contenitore di plastica con acqua ed eventualmente sostanze nutritive per le piante. L’acqua, per capillarità, salirà attraverso la stringa fino al terreno della pianta. Attenzione però: la scelta della stringa è la parte cruciale per la buona riuscita del sistema. Avete bisogno di una stringa in materiale acrilico che potete acquistare ad esempio in un negozio specializzato per la pesca.

  • Esistono anche altre versioni di sistemi di irrigazioni per le piante da appartamento o da terrazzo che prevedono ad esempio tubicini di plastica rigidi al posto delle stringhe.

Articolo scritto da: Laura Citterio

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA