‘Unfitting’, Giovanna Mezzogiorno racconta il cambiamento del suo corpo: “Nessuna pietà”

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Giovanna Mezzogiorno è la regista di “Unfitting”, cortometraggio che verrà presentato alla Festa del Cinema di Roma, dove racconta come il corpo abbia una centralità opprimente per le donne, soprattutto per coloro che lavorano nel mondo dello spettacolo.

Giovanna Mezzogiorno: ” Non accettano il corpo che cambi”

L’attrice ammette di essere stata allontanata perché la sua fisicità non corrispondeva a certi canoni estetici. L’importanza del corpo delle donne nel mondo dello spettacolo, e non solo, è qualcosa con cui si è costretti a fare i conti ormai da molto tempo, non bastano campagne di sensibilizzazione per sottolineare quanto le forme di ogni personaggio femminile che compare sullo schermo siano uniche e da non giudicare, la centralità del corpo è predominante.

Unfitting, un corto sulla centralità del corpo

È quello di cui parla Unfitting, il corto diretto da Giovanna Mezzogiorno e realizzato in collaborazione con Silvia Grilli, direttrice di Grazia, che parla proprio dell’impatto che l’aspetto fisico ha sulla vita di un’attrice, interpretata nel progetto da Carolina Crescentini. Nel cast anche Fabio Volo e Ambra Angiolini.

La scelta di Giovanna Mezzogiorno non è certo casuale, dal momento che in prima persona si è trovata subire le critiche di chi ha visto il suo corpo cambiare e non ha potuto fare a meno di commentare questo cambiamento e spesse volte in maniera negativa.

La genesi di Unfitting

“Mi ha riguardato in prima persona. Sono stata molto criticata —non apertamente, non te lo dicono in faccia — quando avevo preso molto peso e non corrispondevo più all’immagine che le persone avevano di me. Ma non è un corto in cui ci si piange addosso, c’è grande ironia, bisogna saper ridere di cose che ci hanno fatto soffrire in passato – ha raccontato la regista a Repubblica- I canoni estetici dettano ormai le richieste del mondo dello spettacolo, che non sembra davvero disposto a cedere il passo ad una vera inclusività, cosa che però accade anche lontano dallo schermo.

Giovanna Mezzogiorno: ” Siamo schiave dei canoni estetici”

Giovanna Mezzogiorno ha, infatti, sottolineato come anche le donne ‘comuni’ non siano libere dalla schiavitù dell’apparenza: “La maggior parte si è rotta le scatole di essere vincolata a questi modelli di bellezza. Il termine bellezza è opinabile, diciamo che questi modelli di pseudo perfezione fanno sentire la maggioranza delle persone, non tutti siamo modelli, in una condizione di disagio. A molti livelli: sul lavoro, in famiglia o tra amici”. 

Giovanna Mezzogiorno il rapporto con il proprio corpo

Il rapporto dell’attrice con il proprio corpo, però, si è modificato nel tempo ed è anche sul fattore temporale che gioca la regista, raccontando della libertà che vivono i bambini, ancora lontani dai dettami di una società che non pretende siano in un determinato modo. Anche la sua infanzia è stata felice da questo punto di vista: “Ero piccolissima, un grillo, però ho avuto un rapporto buono, fino a quando non ho iniziato a capire che la bellezza veniva anteposta alla bravura. Mi ha sconvolto”. Scegliendo di fare l’attrice, però, si è imbattuta in un mondo nel quale l’immagine ha suo peso specifico, contando anche sulla sua bellezza.

L’importanza dell’aspetto fisico per un’attrice

Conta sicuramente l’aspetto fisico, sarei una ipocrita se dicessi il contrario. Un attore è un personaggio di cui un pochino il pubblico si deve innamorare. Ma nel corso della mia carriera difficilmente è stata esaltata la mia prestanza fisica, non ho mai fatto ruoli che mettessero in risalto l’avvenenza, sempre poco trucco, semplici, quotidiani, normali.

“Sono stata allontanata dai set”

Eppure, proprio nel suo mondo, che le ha riconosciuto talento e capacità, non è riuscita a liberarsi dalla trappola del corpo e di un’immagine perfetta, tanto che quando la sua figura ha iniziato a trasformarsi, si è imbattuta in chi non ha accettato questo cambiamento, allontanandola:

Il corto “racconta la verità con (amara) ironia”

Sì, non mi ero resa conto di quanta falsità ci fosse intorno a me, registe che inneggiano di essere dalla parte delle donne e non lo sono affatto. In tanti hanno addirittura chiuso i rapporti. Poi sono entrate in campo le leggende, che ero malata e tanti altri mi hanno scansata. Non importa, meglio. Alla fine è una presa di coscienza del fatto che le persone ti stimano e ti vogliono finché corrispondi alla loro idea e al loro canone. Non è che rendersene conto sia il massimo. Pian piano realizzi che è così. Ma non sono tutti così, molti mi vogliono bene. Ma nel film racconto una cosa oggettiva.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Mara Carfagna, ex ministro, è stata catturata in un momento di pura felicità e bellezza con la sua adorata figlia Vittoria. La rara immagine, pubblicata dal settimanale Gente sui social, mostra Carfagna radiosa nel suo abito da sposa, un capolavoro disegnato da Sofia Provera Atelier. La scena, che ha commosso molti, evidenzia il forte legame […]

Mara Venier si sta ora riposando dopo una stagioe Tv che è stata iuttosto impegnativa, che l’ha vista al comando dell’ennesima edizione di “Domenica In“, che resterà salda nelle sue mani anche a partire da settembre, oltre a un nuovo format, simil “Uomini e donne”, che la Rai ha scelto di lanciare e affidare a […]

Di recente nel mondo dello spettacolo ha fatto scalpore la notizia di una possibile nuova relazione amorosa che coinvolge Johnny Depp. La star di Hollywood avrebbe ritrovato la felicità insieme a Yuliya Vlasova, una giovane modella ed estetista di origine russa. Ma chi è esattamente Yuliya Vlasova? Scopriamolo insieme. Yuliya Vlasova e Johnny Depp si […]