Fedez torna sui social e rivela: “Vi spiego perché ho avuto problemi”

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Era scomparso dai social per un pò ma adesso è tornato alla grande. Stiamo parlando di Fedez che è ritornato sui social con un post in cui, oltre a ringraziare la moglie Chiara Ferragni, spiega il motivo della propria assenza.

Fedez: “Grazie a mia moglie che mi è stata di aiuto”

 Fedez, nelle sue stories pubblicate ieri sera su Instagram, ha voluto ringraziare la moglie, Chiara Ferragni, che gli ha garantito un totale supporto durante il periodo di malattia dovuta alla sospensione di psicofarmaci. “Questo periodo mi ha fatto capire quanto io voglia focalizzarmi sulla mia salute mentale e soprattutto quanto io voglia focalizzarmi sulla mia famiglia, su mia moglie. In questo periodo è stato detto di tutto su di lei ed è l’unica persona che mi è stata accanto. Mi spiace che abbia dovuto subire una tempesta di m… mediatica, totalmente immeritata. Voglio nuovamente ringraziare mia moglie  che ha dovuto badare a una famiglia intera e a me in questo periodo. Sono veramente un uomo fortunato” ha detto Fedez con commozione.

Fedez

Fedez

Fedez parla del suo “psicofarmaco sbagliato”

Fedez ha, inoltre, rivelato quello che gli è successo nelle ultime settimane, dopo Sanremo, incluse le polemiche e le illazioni su una presunta crisi coniugale con Chiara Ferragni. “Ciao a tutti, eccomi qua dopo una lunga, lunga assenza. Un periodo in cui non mi avete visto particolarmente in forma, eccomi qua a raccontarmi un po’ quello che è successo”, spiega. “Innanzitutto ci tengo a ringraziarvi per i messaggi di vicinanza che mi avete mandato, grazie davvero. Ed in seconda istanza ci tengo a raccontarvi quello che mi è successo, perché escono quotidianamente notizie su me e la mia famiglia, che non sono corrispondenti al vero, è giusto che vi racconti io quello che mi è successo”.

Il racconto di Fedez

“Purtroppo devo partire da un po’ indietro, da quando mi è stato diagnosticato il tumore al pancreas. Per quanto privilegiato possa essere stato, è stato un evento molto traumatico, e solo oggi ho realizzato quanto non mi sono preso cura della mia salute mentale rispetto a questo evento. Mi sono affidato solo a psicofarmaci che ho cambiato nel corso dei mesi fino a trovarne uno che proprio non era indicato a me”.

Fedez

Fedez

Fedez: “Il mio antidepressivo ha avuto effetti collaterali”

“Da gennaio –  ha aggiunto Fedez – mi è stato prescritto questo antidepressivo molto forte che mi ha cambiato molto, mi ha agitato tanto e mi ha dato anche degli effetti collaterali dal punto di vista fisico molto forti fino al punto di provocarmi dei tic nervosi alla bocca e da impedirmi di parlare in maniera libera. L’ho dovuto sospendere senza ‘scalarlo’: solitamente non si fa questa cosa, a meno che non ci siano rischi importanti. Io correvo rischi importanti e quindi ho dovuto sospenderlo in maniera repentina e mi ha provocato un effetto rebound, che è una cosa che non auguro a nessuno”. Ha subito così “un annebbiamento importantissimo a livello cognitivo, mi ha dato forti spasmi muscolari alle gambe, che mi hanno impedito per diversi giorni di camminare sensazioni di vertigini molto forti, mal di testa incredibile, nausea forte, ho perso 5 chili in 4 giorni. Una cosa che mi ha impedito di svolgere il mio lavoro, motivo per cui non sono potuto essere presente alla presentazione di Lol, né al processo per la strage di Corinaldo. Ad oggi non sono al 100 per cento, ma giorno dopo giorno miglioro”.

Fedez ai follower: “Non cercate scorciatoie e curate le vostre ferite”

“Qualsiasi evento traumatico nella vostra vita vi possa accadere, prendetevi cura della vostra salute mentale, delle vostre ferite perché, se non lo farete, saranno le vostre ferite a reclamare il bisogno di essere curate nella maniera a volte anche più brutta possibile. Questo è quanto, questo è il riassunto dei miei due mesi di merda. Quanto al futuro, “nei prossimi mesi conto di affrontare tutti gli eventi traumatici della mia vita nella maniera più complessa, in salita e forse più dolorosa, quella della terapia, senza cercare scorciatoie come ho cercato di fare in questi mesi. Non cercate scorciatoie, perché possono farvi male”.

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria