Belve, Loredana Bertè confessa: “Borg preferiva la coca a me”

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

 A Belve Loredana Bertè si è confessata a cuore aperto a Francesca Fagnani che non l’ha risparmiata di domande anche piuttosto “intime”. In particolare la giornalista l’ha incalzata tornando sulla sua relazione con l’ex tennista. Scopriamo, di seguito, cosa ha detto la Bertè in proposito.

Loredana Bertè: “Avrei voluto dei figli da Borg”

Incalzata dalle domande di Francesca Fagnani, Loredana Bertè ha parlato a lungo di Borg: “Quante gliene ho date… Se le ricorda ancora. Volevo dei figli, è un rammarico che ho dentro: speravo che Bjorn fosse il padre dei miei figli”. Lo svedese è stato numero 1 del mondo, lei una sex symbol oltre che star in Italia: “Borg mi ha preso di testa. Era gelosissimo, a Stoccolma non mi mandava nemmeno dall’estetista: la mia, da Milano, veniva in Svezia con aereo privato. Ma anche io ero molto gelosa: buttavo letti, divani, sedie, anche i suoi trofei dal balcone quando ero arrabbiata e magari non lo vedevo per 48 ore senza sapere nulla. Ma questo senso di pericolo era molto eccitante”.

“Borg preferiva la coca a me”

Nel 1989, Borg ha tentato il suicidio ingerendo una notevole quantità di barbiturici: “Non ho mai capito perché l’avesse fatto. La dipendenza dalla cocaina ha influito sul fatto che ci fossimo lasciati, a un certo punto della relazione preferiva la cocaina a me. Questa cosa non potevo accettarla”.

“L’ho lasciato quando ha chiamato due prostitute”

Due anni più tardi, è stata Loredana a essere ricoverata in gravi condizioni, al Fatebenefratelli di Milano: “Volevo essere in grado di osare, era una sfida perenne tra noi due”. La relazione si è chiusa nel 1992: “Stavamo in albergo a Palm Beach, lui aveva avuto un match di esibizione. Tornato in albergo, chiama al telefono e chiede due prostitute: sono arrivate vestite di pelle e con fruste. L’ho gonfiato di botte e me ne sono andata, quando siamo tornati a Milano non l’ho fatto entrare in casa. Da quel giorno è finita”.

 

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Tra i protagonisti della nuova serie TV “Vanina- Un vicequestore a Catania” con protagonista la siciliana Giusy Buscemi c’è anche Claudio Castrogiovanni, l’attore catanese che nella fiction RAI interpreta l’ispettore capo Carmelo Spanò, braccio destro di Vanina. Scopriamo alcune curiosità sulla sua vita privata e professionale. Claudio Castrogiovanni: biografia e carriera Claudio Castrogiovanni è nato […]