Mamme creative? Via libera alle nuove professioni del fai da te

di Claudia Scorza

È iniziato tutto come una passione, ma ben presto per qualcuna è diventata una professione a tutto tondo. Stiamo parlando di alcune donne creative che hanno saputo valorizzare le proprie abilità manuali unendo le capacità creative alla voglia di provare e sperimentare tecniche, coltivando rapporti sociali alternativi e buttandosi in scenari sconosciuti, tutti da esplorare. Questo è il mondo delle donne e mamme creative che hanno iniziato un percorso lavorativo assecondando un modo innovativo di aprirsi a tante possibilità di lavoro basate proprio sulle loro passioni, regalandosi così soddisfazione e gratificazione.

Ma come fare? Se pensi che il passaparola e gli stand ad eventi e manifestazioni non siano strumenti abbastanza potenti per promuovere le tue creazioni, puoi provare con il web, uno strumento con un’eco smisurato che offre moltissimi canali di comunicazione e di vendita perfetti per chi crea. Inizia scegliendo un nome originale e carino, possibilmente facile da memorizzare e che rispecchi la tua personalità e i tuoi lavori creativi. Poi crea delle pagine con il nome della tua attività sui principali social network come Facebook, Twitter e Pinterest, dove puoi raggiungere un vasto numero di followers condividendo le foto delle tue creazioni e le tue idee ancora work in progress, così da testare quanto i tuoi lavori piacciono, ascoltare le richieste e valutare l’offerta. Crea anche un sito web dove parli di te, del tuo hobby e dove puoi mostrare i tuoi modelli più belle. Il sito è uno strumento importante per mostrare i tuoi prodotti creativi dando anche un senso di serietà e professionalità a chi lo visita.

Il sito per vendere e acquistare Etsy, ad esempio, è un’ottima vetrina che permette di mettere online le creazioni e assicurarti che un vasto pubblico internazionale possa vedere e comprare i tuoi prodotti creativi. Basta registrarsi per aprire un account e avere un vero e proprio negozio online con tutti i tuoi manufatti acquistabili, la tua biografia, le tue condizioni di vendita e pagamento, la gestione degli ordini e delle spedizioni, e una comunicazione integrata con le tue pagine social per avere ancora più visibilità.

Se a prima vista tutti questi discorsi appaiono teorici e complicati da realizzare, nella pratica sono molto più semplici di quanto possa sembrare! Oggi sono molte le realtà creative che hanno intrapreso questa strada, facendo diventare quello che fino a ieri era un semplice passatempo nelle ore libere un lavoro a tempo pieno, con clienti affezionati e collaborazioni tra creativi che condividono la stessa passione.

Un esempio perfetto sono le Creativemamy, un gruppo di mamme appassionate di art&craft capitanate da Maria Veneziano e seguite da più di 500mila followers su Facebook e 40mila fan su Instagram. Sono donne che hanno deciso di trasformare il proprio hobby in una professione che le appagasse senza rubare troppo tempo al loro ruolo di mamme. Alcune sono donne con un passato professionale più tradizionale, altre, invece, sono mamme e casalinghe con una grande voglia di fare, accomunate anche dal desiderio di creare una comunità virtuale di condivisione dove poter pubblicare i propri lavori sui social network, scrivere post in cui mostrare le creazioni e venderle online attraverso l’e-commerce, creando anche un approccio multicanale.

A queste brillanti donne che appartengono al mondo del fai da te femminile, è dedicata Abilmente, una mostra-atelier internazionale della manualità creativa che si è appena svolta alla Fiera di Roma rivolta a tutte le donne creative che vogliono far conoscere i propri lavori artigianali. L’esposizione ha un’offerta molto ampia e coinvolge tutte coloro che hanno una smisurata passione per l’handmade, comprendendo tantissime tecniche e materiali come fimo, feltro, cucito, uncinetto, patchwork, bijoux e molto altro ancora.

Tante sono le donne che si sono affermate professionalmente nel campo del fai da te creativo, tutte provenienti da percorsi differenti e dedicate a creazioni diversificate. Eleonora Giuffrida, ad esempio, è un’affermata cake designer con percorsi di studi e lavorativi nel campo della moda e della grafica, che nel 2011 ha creato la scuola di Miss Cake, un laboratorio che unisce il suo amore per il design, l’arte e la grande voglia di divulgare la propria passione.

Un altro bellissimo esempio è Emanuela Tonioni, nota al pubblico come Angeli di Pezza, da sempre appassionata di hobbistica con un passato come educatrice-animatrice, è oggi apprezzatissima nel campo del cucito creativo, spesso ospite in tv con un grande seguito sul web. Come tante altre personalità del mondo creativo al femminile, è stata capace di trasformare la propria passione in una vera e propria professione. E voi cosa aspettate? Armatevi di coraggio e date libero sfogo alla vostra vena creativa cucendovi addosso una professione su misura!

Leggi anche:

 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

«Piemontese di mente e siciliana di cuore». Questa è la storia di Samantha Di Laura, l’imprenditrice piemontese che ha deciso di aprire la sua azienda tutta al femminile in Sicilia si definisce . Com’è nata la “Samantha Ethical Management” A Menfi è nata la sua “Samantha Ethical Management”, azienda che si occupa di consulenza strategica e […]

3 min

È bastato conoscersi in pochissimo tempo per capirsi completamente: quattro donne hanno trasformato la rinomata via IV Aprile a Palermo. La suddetta strada era famosa perché un tempo vi erano case d’appuntamento; adesso, nel medesimo luogo dello Steri e della cioccolateria Lorenzo, sono state inaugurate le loro botteghe artigiane. Accogliente sin da subito: i clienti, […]

1 min

“Ragazzi grazie a voi lavoro. Avevo perso il lavoro e adesso riesco a sostentare la famiglia”. Così durante ItalianTechSpeak, Silvia Wang, imprenditrice classe 1986, parla a Federico Russo di un professionista che la ringrazia di avergli dato un’occupazione dignitosa che gli permetta di sostenere economicamente i propri cari. Silvia Wang è figlia di immigrati cinesi arrivati […]