Prova il fitwalking per tonificare le gambe e rilassare la mente

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il suo nome deriva dall’inglese (Fit significa essere in forma e Walk camminare) ed il principio base di questo sport è appunto una camminata veloce, a metà fra la marcia ed il trekking.

Come tutti sappiamo camminare fa bene alla salute, ma camminare nel modo corretto fa ancora meglio. Questo è il motivo del successo del fitwalking cha ha saputo razionalizzare la comune “arte del camminare”. Ma conosciamo meglio questo sport!

Chi può praticare il fitwalking?
Il fitwalking può essere praticato da chiunque, indipendentemente dall’età e dall’allenamento. È un’attività fisica leggera che può essere modulata (in velocità e durata) in base alle capacità ed agli obbiettivi da raggiungere.

In particolare il fitwalking è consigliato:


  • a chi vuole prevenire malattie cardiovascolari e combattere la vita troppo sedentaria anche se non hai mai praticato prima un’attività sportiva

  • a chi vuole dimagrire (con il fitwalking si possono bruciare circa 300 Kcal in un’ora)

  • a chi vuole tonificare gambe e glutei senza raggiungere sforzi fisici troppo intensi: il fitwalk infatti è un’attività aerobica che permette di bruciare grassi, sviluppare muscoli ed anche combattere la cellulite.

  • a chi deve recuperare dopo un infortunio ai muscoli od alle articolazioni

  • a chi già pratica sport e fitness e vuole migliorare le proprie prestazioni con un’attività da svolgere tutti i giorni, magari all’aria aperta

  • a chi vuole scaricare lo stress quotidiano con un’attività rilassante e salutare. Il fitwalking permette infatti di scaricare l’aggressività e di ritrovare il buonumore.

Dove si pratica il fitwalking?
Il fitwalking può essere praticato ovunque: in città, in campagna e persino in palestra. In generale è preferibile scegliere una superficie piana e liscia. Potete praticare il fitwalking da soli o in compagnia, a voi la scelta!

In cosa consiste la tecnica del fitwalking?
La tecnica di camminata del fitwalking è simile a quella della marcia: il passo deve essere regolare e veloce, il piede deve spingere il corpo in avanti, le braccia devono essere flesse a 90 gradi con le mani chiuse a pugno, il collo e le spalle devono rimanere rilassati. All’inizio però non preoccupatevi troppo del movimento e cercate di camminare in modo naturale, aumentando ogni giorno la velocità e la durata dell’allenamento. In modo graduale inserite oltre al movimento delle gambe anche quello del tronco.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]

Foto di Tirachard Kumtanom: Il trekking è un’attività perfetta per chi ama camminare e non vuole rinunciare a vivere, durante la bella stagione, qualche avventura in mezzo alla natura. Appagante e divertente, può essere effettuata praticamente da chiunque, anche dai più piccoli e da chi non è particolarmente esperto, a patto, naturalmente, di scegliere il […]

Oggi, 28 giugno, la Commissione Europea ha dato il via libera al primo vaccino contro il virus chikungunya, una malattia trasmessa dalle zanzare infette. Il vaccino, chiamato Ixchiq e sviluppato da Valneva, è stato approvato per l’uso in adulti dai 18 anni in su. Nonostante la chikungunya non sia endemica nell’Unione Europea, l’esecutivo comunitario ha […]