Eiaculazione precoce: cause, rimedi e consigli per contrastarla

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’eiaculazione precoce è un problema che colpisce circa un terzo della popolazione maschile ed è un fenomeno che può presentarsi in maniera saltuaria o molto più frequentemente. Per molte persone è un grosso disagio ma è bene ricordare che è un fattore molto diffuso e facilmente risolvibile.

Cause dell’eiaculazione precoce

Le cause dell’eiaculazione precoce possono essere suddivise in due categorie:

  • Cause psicologiche – l’ansia è certamente una componente principale e si manifesta principalmente nei rapporti clandestini dove l’uomo, per paura di essere scoperto o per un inconscio senso di colpa, cerca di raggiungere l’orgasmo in fretta. Anche lo stress ha un ruolo fondamentale.
  • Cause biologiche – oltre a livelli ormonali anomali, infiammazioni alla prostata e caratteristiche ereditarie, il problema può essere causato da una disfunzione della tiroide.

Sebbene l’eiaculazione precoce potrebbe essere un sintomo di importanti patologie, riuscire a riscontrarlo in un paziente è davvero molto complicato poiché c’è una grossa difficoltà nel confidarsi.

Rimedi per l’eiaculazione precoce

I rimedi per curare l’eiaculazione precoce possono dividersi in tre diverse tipologie:

  • Terapia sessuologica: in questo caso il medico può consigliare degli esercizi, da eseguire da soli o con il proprio partner, per arrivare al momento del rapporto sessuale molto più rilassati. Per esempio con la ginnastica pelvica oppure studiando delle posizioni sessuali che aiutino a prolungare il rapporto.
  • Terapia farmacologica: il medico, attraverso l’uso di antidepressivi e creme antalgiche, cercherà di ritardare l’orgasmo.
  • Terapia psicoterapica: conosciuta anche come terapia della parola, consiste in una serie di colloqui con uno specialista per analizzare la propria relazione e le relative esperienze. Le sessioni aiuteranno a ridurre l’ansia da prestazione ed affrontare lo stress.

Consigli per contrastare l’eiaculazione precoce

Conoscere sessualmente il proprio partner è fondamentale per evitare il fenomeno. Molto spesso le donne hanno bisogno di una stimolazione più lunga, rispetto agli uomini, per poter raggiungere l’orgasmo. Imparare a comunicare durante l’amplesso permette di acquisire una maggiore conoscenza circa le tempistiche e le esigenze dell’altro. Molto spesso si rivela molto utile provare nuovi stimoli che possano soddisfare entrambi in maniera tale da raggiungere una vita sessuale appagante.

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

In uno studio condotto dall’UC Berkeley, dalla Columbia University e da altre istituzioni, i ricercatori hanno scoperto che diverse marche importanti di tamponi contengono livelli tossici di metalli. I risultati dello studio I ricercatori hanno acquistato tamponi da grandi marchi dell’UE, del Regno Unito e degli Stati Uniti, secondo un comunicato stampa dell’UC Berkeley Public […]

Per molte donne, la fase premestruale è un periodo associato a fastidiosi sintomi come gonfiore, crampi, sbalzi d’umore e irritabilità. Se anche tu soffri di questi disturbi, ti interesserà sapere che non sei sola e che esistono diversi rimedi naturali per aiutarti ad alleviarli e a vivere questo momento con più serenità. In questo articolo, […]

Photo by Kamaji Ogino La detersione del viso è il primo, fondamentale passaggio per una skincare routine efficace, sia per rimuovere il trucco sia per liberare la pelle dalle impurità accumulate durante la giornata. Scegliere il prodotto giusto, però, può essere un’impresa: come orientarsi tra le diverse tipologie di detergenti disponibili? Tra i numerosi prodotti […]

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]