Come capire se si soffre di depressione post partum?

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

La depressione post partum è a tutti gli effetti una depressione che si sviluppa subito dopo la nascita del bambino e può durare per un anno circa. E’ importante anche consultare uno specialista qualora si accusi uno di questi sintomi. E’ importantissimo conoscere le proprie reazioni  per capire se si sta attraversando un comune “baby blues”, che si risolverà da solo in poco tempo, oppure se sia qualcosa di più grave.

Depressione post partum: sintomi

I classici sintomi sono i seguenti:

  1. Umore instabile
  2. Ansia e nervosismo
  3. Tristezza non giustificata
  4. Irritabilità
  5. Pianto improvviso e immotivato
  6. Difficoltà di concentrazione
  7. Disturbi del sonno (insonnia o sonni agitati)

I sintomi del “baby blues”, in genere, compaiono nei giorni immediatamente successivi al parto e possono persistere per 1-2 settimane, migliorando gradualmente senza la necessità di ricorrere a terapie specifiche.

Sintomi della depressione post partum

Alcuni sintomi della depressione post partum sono i seguenti:

  1. Profonda tristezza e sconforto per gran parte della giornata, non giustificati da eventi specifici rilevanti
  2. Sensazione di non avere energia e di non essere in grado di accudire il bambino
  3. Perdita di interesse nelle attività abituali e incapacità di trarre piacere da circostanze o situazioni di norma stimolanti e gradevoli
  4. Forti oscillazioni del tono dell’umore e pianto immotivato, in più momenti della giornata
  5. Desiderio di isolamento dai familiari, compreso il bambino
  6. Variazioni dell’appetito, con conseguente significativa perdita/aumento di peso (oltre 5 kg), non legate a diete o malattie specifiche
  7. Difficoltà ad addormentarsi o a dormire a sufficienza (sonni agitati o risvegli precoci) oppure aumento del bisogno di dormire, anche durante il giorno
  8. Agitazione e ansia o, al contrario, rallentamento dei riflessi
  9. Irritabilità o frustrazione
  10. Tendenza ad affaticarsi molto anche dopo attività non particolarmente impegnative
  11. Calo dell’autostima e della fiducia nelle proprie capacità; senso di colpa persistente e immotivato, soprattutto nei confronti del bambino
  12. Diminuzione delle capacità di concentrazione e dell’efficienza intellettiva; difficoltà a prendere decisioni anche poco importanti
  13. Calo del desiderio sessuale (anche dopo il periodo fisiologico del post partum)

Altre manifestazioni della depressione post partum associate alle forme più severe

In casi molto rari, soprattutto quando la donna ha già sofferto o ha una propensione allo sviluppo di depressione bipolare o mista, è possibile che la depressione post partum sia accompagnata anche da sintomi di tipo psicotico come:

  1. Confusione e disorientamento
  2. Allucinazioni
  3. Paranoia
  4. Comportamenti che possono mettere a rischio la salute propria o del bambino.
  5. Queste situazioni (spesso le sole riportate dai media in modo eclatante) sono le più critiche e vanno monitorate molto attentamente da uno specialista esperto nel trattamento della depressione post partum. Talvolta, possono richiedere il ricovero della mamma o l’allontanamento temporaneo del bambino, finché la situazione non migliora.