Contraccezione e piacere: é arrivato l’anello vaginale!

di francesca

Si tratta di un contraccettivo ormonale, come la pillola e il cerotto anticoncezionale, e c’é da scommettere che proprio come é stato per i suoi predecessori, anche l’anello vaginale rivoluzionerà il mondo della contraccezione femminile.

Ha proprio la forma di un anello, é in materiale plastico, atossico e flessibile, e viene inserito in vagina dove rilascia un basso dosaggio di due ormoni femminili, estrogeni e progestinici.

Viene inserito e rimosso direttamente dalla donna, in modo semplice ed indolore. à molto comodo perchè una volta posizionato resta in sede e non c’é altro da fare se non rimuoverlo dopo tre settimane, durante le quali potrete dimenticarvi di averlo. Non viene infatti minimamente percepito dalla donna e non da nessun fastidio neppure durante i rapporti sessuali.

L’efficacia in termini di contraccezione é pari a quella della pillola perchè funziona con lo stesso metodo ormonale, inibendo l’ovulazione e modificando il muco cervicale.
Ma ci sono delle controindicazioni per l’anello vaginale?
Poichè si tratta di un metodo di contraccezione ormonale le controindicazioni sono le stesse che si hanno con l’utilizzo della pillola:


  • l’anello vaginale non vi protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili;

  • non puà usato durante la gravidanza e l’allattamento;

  • é meglio evitarlo se avete insufficienza epatica o un aumentato rischio cardiovascolare;

  • é sconsigliato se siete fumatrici incallite o se siete in grave soprappeso;

  • deve essere sempre prescritto da un ginecologo dopo una visita accurata durante la quale il medico vi spiegherà anche come usarlo e vi aiuterà a superare i timori legati all’inserimento in vagina.

E che dire dei suoi vantaggi?

Rispetto alla pillola i vantaggi dell’anello vaginale sono numerosi:


  • gli ormoni vengono rilasciati direttamente nel circolo sanguigno, non ci sono quindi effetti collaterali e livello dello stomaco e del fegato e l’efficacia della contraccezione é garantita anche in caso di diarrea e vomito;

  • gli ormoni vengono assorbiti in modo lento e costante durante tutta la giornata, questo riduce gli sbalzi ormonali tipici della pillola ed evita i sanguinamenti che spesso le donne hanno utilizzando le pillole a bassissimo dosaggio ormonale;

  • non avrete più l’incubo di dimenticarvi di prendere la pillola! Chi utilizza l’anello vaginale deve soltanto ricordarsi di inserirlo il primo giorno e di toglierlo dopo tre settimane. Durante la settimana di sospensione comparirà il ciclo mestruale;

  • é molto più discreto della pillola ed anche del cerotto anticoncezionale, una volta inserito é completamente invisibile e soltanto voi saprete di averlo.

Oltre a questi indiscussi e comprovati vantaggi c’é di più.
Il mondo scientifico si sta interessando alla possibilità che l’anello vaginale abbia anche un effetto aggiuntivo, quello di aumentare il piacere sessuale.

La presenza locale degli ormoni sembra infatti favorire la lubrificazione della vagina. Inoltre il contatto con l’anello puà provocare un leggero massaggio stimolante sia sul pene che sulla vagina.

Da non sottovalutare neppure il fattore psicologico: la donna sentendosi al riparo da gravidanze indesiderate riesce a vivere il rapporto sessuale con maggiore serenità.

Certo al momento si tratta solo di dati statistici ma se la tendenza dovesse confermarsi l’anello vaginale potrebbe diventare il nuovo anello che le donne vorranno farsi regalare!


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Il lichen vulvare è una malattia dermatologica cronica che colpisce in particolare la zona genitale e anale. Non è molto comune e colpisce le donne soprattutto in menopausa e raramente interessa uomini (lichen balano-prepuziale) o bambini. Qualora ci si riveda nei sintomi qui elencati, è necessario consultare uno specialista. La cura può alleviare i sintomi; […]

3 min

Quando termina il ciclo mestruale e questa cosa si protrae per un arco di tempo considerevole, si manifesta l’inizio della menopausa. Una donna è ritenuta in menopausa quando sono trascorsi 12 mesi dall’ultima mestruazione. Inizio della menopausa: sintomi All’età di 50 anni circa una donna entra in menopausa. Ma non è una regola universale: il […]

3 min

L’ovaio policistico si manifesta con l’irregolarità del ciclo mestruale e con altre caratteristiche particolarmente riconoscibili. Le cause non sono ancora chiare, ma i sintomi sì. Pertanto essendo visibili, compaiono subito dopo il menarca oppure si sviluppano nel corso degli anni. I sintomi della sindrome dell’ovaio policistico Le donne con sindrome dell’ovaio policistico possono presentare irregolarità […]

3 min

L’endometriosi è una malattia alquanto complessa soggetta a continui studi. Si tratta di un’anomalia delle cellule endometriali. Queste sono le cellule normalmente presenti nella cavità uterina, che presenta aspetti ancora misconosciuti. E’ una malattia complessa e difficile da diagnosticare. Endometriosi: un’infiammazione cronica benigna L’endometriosi è un’infiammazione cronica benigna degli organi genitali femminili e del peritoneo […]