17 Giugno 2020 |

Avete mai sentito parlare di uncaria? Ecco il rimedio naturale che rafforza le difese immunitarie

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Uncaria pianta difese immunitarie

E’ un efficace rimedio contro i sintomi delle malattie stagionali e i dolori muscolari. Ecco tutto quello che c’è da sapere su questa pianta della salute.

L’uncaria è una pianta che appartiene alla famiglia delle Rubiacee ed è particolarmente nota per le sue proprietà immunostimolanti, antinfiammatorie e antivirali, motivo per cui è indicata in caso di infezioni ed è un ottimo rimedio contro raffreddori e malattie stagionali.

Proviamo a saperne di più sull’uncaria, un rimedio naturale che rafforza le difese immunitarie.

Le proprietà benefiche dell’uncaria

L’uncaria, soprattutto la sua corteccia, è molto utilizzata in fitoterapia per il trattamento delle malattie infiammatorie croniche e nelle deficienze immunitarie, per cui è un ottimo rimedio naturale in caso di infezioni virali; è inoltre molto utile nella cura delle malattie da raffreddamento quindi in caso di raffreddore, febbre e tosse.

Ma la caratteristica che ne fa una pianta molto preziosa per la salute è la sua azione sul sistema immunitario: l’uncaria, infatti, stimola la produzione di anticorpi potenziando le nostre difese naturali, per cui è ideale nel trattamento delle allergie e delle patologie degenerative e nelle sindromi da immunodeficienza. Secondo diversi studi, pare che l’uso di uncaria abbia dato riscontri positivi anche su pazienti affetti da HIV.

Per via delle sua proprietà antivirali, l’uncaria è efficace anche nei casi di herpes e varicella zoster, da non intendersi ovviamente come un rimedio alternativo alla terapia farmacologica, ma piuttosto come un coadiuvante.  L’uncaria inoltre è un rimedio naturale nel trattamento dei reumatismi e dei dolori osteoarticolari e muscolari.

Le controindicazioni dell’uncaria

In realtà non esistono effetti collaterali o controindicazioni specifiche nell’uso dell’uncaria, se non in caso di ipersensibilità.