Bambino Podalico: quali Rimedi per farlo girare?

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il bambino nella pancia può assumere delle “posizioni anomale” rispetto alla sua classica “a testa in giù”.
Di queste posizioni, la più frequente è quella podalica nella quale in feto rivolge al canale del parto la parte inferiore del corpo, invece che la testa. Anche in posizione podalica, a sua volta, il feto può presentarsi in 4 modi diversi. Essi sono:


  • Con le Natiche: quando il bambino si presenta con il culetto e ha le gambe estese con i piedi davanti alla faccia

  • Con i Piedini: quando le gambe sono stese e i piedi sono più in basso del culetto

  • Posizione Mista: uno o entrambi i piedi si presentano per primi

  • Presentazione Completa: quando il feto si presenta di natiche e piedi e con le gambe piegate

Esami posizione podalica
Bisogna tenere presente che nell’ecografia del 3° trimestre, a 30-34 settimane, circa il 16% dei feti è podalico, ma che la maggior parte si gira spontaneamente.
La diagnosi di feto podalico ha, dunque, senso solo in procinto del parto e la tendenza medica comune è di attendere che il feto si giri per poter nascere in maniera naturale.
Alcune settimane prima del parto, la palpazione esterna dell’addome, la visita ostetrica e l’ecografia pelvica diranno se il feto è podalico e, a quel punto, si faranno una serie di valutazioni su come partorire.

Rimedi per far girare il feto
Prima di giungere al momento del parto, ci sono diversi rimedi che possono essere tentati per aiutare il feto a ruotare in posizione normale. I metodi utilizzati sono molto differenti e con percentuali di successo molto diverse.

Interventi medici

Rivolgimento esterno: viene paticato in alcuni centri e consiste nel capovolgere il feto con manovre esterne, esercitando pressioni sulle parti fetali con le mani sulla pancia della mamma. La percentuale di successo del rivolgimento esterno è circa il 70%. Questa manovra deve essere eseguita:


  1. Col consenso della futura mamma

  2. Non prima di aver scartato la possibilità che il bimbo si giri da solo

  3. Previo trattamento con farmaci anticontratturanti

  4. Sotto controllo costante della quantità di liquido amniotico

  5. Con la possibilità di poter praticare un taglio cesareo immediato

Tecnica di Webster e Chiropratica: si aiuta a diminuire lo stress della pelvi nella gravida e a rilassare l’utero in modo da rendere più facile una versione spontanea del feto

Interventi naturali


  • Con la musica: molte donne hanno usato la musica o la loro voce registrata per cercare di indurre il feto a muoversi verso il rumore. Utilizzando auricolari o cuffie posti sulla parte bassa dell’addome si può incoraggiare il feto a muoversi verso i suoni e lasciare la posizione podalica.

  • Con la ginnastica: per inclinare il podice bisogna concentrarsi sul bambio mentre si eseguono degli esercizi che aiutino il feto a esegure la rotazione necessaria. In questo caso sarà necessario consultare un fisioterapista che insegni la corretta sequenza per non correre rischi.

Rimedi omeopatici
Una tecnica molto comune è la Moxibustione che consiste scaldare un punto del piede (V67) attraverso l’uso di un elemento naturale: la Moxa. Alcuni medici consigliano la moxa anche nelle ultime tre settimane, ed addirittura fino al travaglio, poiché le dimensioni fetali non sembrano influenzare il rivolgimento spontaneo.
Anche la Pulsatilla è un elemento naturale che aiuta il feto a rivoltarsi naturalmente.

Il Parto
Se tuttavia non si riesce ad far girare il feto nella posizione corretta si è giunti al momento di partorire, esistono 2 modalità di parto: Il Parto naturale o vaginale e il Taglio cesareo.

Parto vaginale
Nel parto podalico vaginale la testa è l’ultima parte del feto che esce.
Il rischio perciò è quello di una mancanza di forza e di ossigeno necessario al feto, a causa di una compressione del cordone ombelicale con rallentamento e diminuzione del flusso ematico. Se si tenta il parto vaginale è necessario che sussistano delle condizioni di sicurezza per mamma e bambino:


  1. La posizione del feto non deve essere mista ma il bambino si deve presentare col culetto

  2. Il battito cardiaco sia perfeto

  3. Il travaglio sia regolare

  4. Il feto non sia troppo grosso

  5. Ci sia possibilità di effettuare un taglio cesareo urgente

Quando ci sono tutte queste condizioni, si procede a un parto vaginale in cui il feto viene comunque seguito passo per passo e “aiutato” a uscire con manovre ben precise che facilitino il suo percorso.

Taglio cesareo
La maggior parte dei ginecologi non acconsente ad un parto podalico, anche se qualcuno, per decidere, preferisce aspettare fino all’inizio del travaglio.
Molti ginecologi raccomandano il taglio cesareo in tutte le presentazioni podaliche, soprattutto nelle donne alla prima gravidanza e in caso di parto prematuro. I neonati prematuri sono più piccoli e fragili e poiché la loro testa è la parte più voluminosa del corpo, essi non riescono a distendere la cervice a sufficienza, motivo per cui la testa potrebbe avere serie difficoltà a passare.

Possibili cause della posizione podalica
Come abbiamo visto, sono sempre in atto gli studi che determinano la “decisione” del feto di essere in posizione podalica. Tuttavia pare ci sia una correlazione importante tra la posizione podalica e le seguenti cause:


  • gravidanze multiple o consecutive

  • storia di parto prima dei termni

  • troppo o poco liquido amniotico

  • presenza di fibromi
Posizione Podalica e conseguenze

La maggioranza dei feti nati da parto podalico sono assolutamente sani.
Tutt’ora sono in corso studi per definire le motivazioni che possano spiegare la difficoltà del feto di “ruotare nella giusta posizione”.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Foto di Tai’s Captures su Unsplash Quando il bambino che portiamo in grembo sta per mettere il suo piedino, per la prima volta, nel suo futuro mondo, è il caso di pensare a stilare una lista di nascita. È una scelta che ha molti aspetti positivi in quanto permette a tutti di fare shopping intelligente. […]