Anemia in gravidanza, cosa comporta e cosa mangiare

di Danila


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Durante la gravidanza l’anemia è abbastanza comune, anzi, più passano le settimane più si manifesta questa forma di calo “fisiologico” dei valori del ferro, che però non dovremmo comunque sottovalutare. A provocare questo calo è un fenomeno specifico detto emodiluzione, per cui diminuisce la parte corpuscolata del sangue, quella costituita dai globuli rossi, mentre aumenta la parte liquida, il cosiddetto plasma, e succede per consentire al sangue di passare agevolmente attraverso la placenta e nutrire il bebè. Se il sangue fosse troppo denso, al contrario, questo passaggio potrebbe rivelarsi problematico.

Insomma, questo è il motivo per cui l’anemia in gravidanza è molto comune e nella maggior parte dei casi non desta assolutamente alcuna preoccupazione, ma bisogna tenere conto anche che un livello di emoglobina può essere associato a un rischio maggiore di parto prematuro e anche a un rischio crescente di mortalità della mamma e del nascituro. In generale, quindi, scompensi di questo tipo possono pregiudicare almeno in parte la normale crescita del feto e lo sviluppo del bambino dopo la nascita.

Dunque è molto importante tenere sotto controllo i valori del ferro in gravidanza e monitorare la situazione attraverso le analisi del sangue, che durante la gravidanza sono di routine: l’emocromo di solito si esegue durante le prime settimane, tra la ventottesima e la trentesima settimana, e infine a ridosso della trentaquattresima settimana di gravidanza.

In caso di un’eventuale carenza che può comportare i rischi di cui abbiamo già detto, bisognerà assumere degli integratori di ferro che ne garantiscano anche un migliore assorbimento, come quelli a base di solfato ferroso, anche se in alcune pazienti possono causare dei piccoli effetti collaterali come nausea e diarrea, motivo per cui è più indicato assumerli la sera.

Non vanno assolutamente sottovalutate le fonti naturali di ferro, quindi le carni rosse, i legumi le uova, la frutta e le verdure a foglia larga.

LEGGI ANCHE:

Anemia, la frutta che contiene ferro

Test anemia mediterranea in gravidanza, ecco perché è importante

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Foto di Tai’s Captures su Unsplash Quando il bambino che portiamo in grembo sta per mettere il suo piedino, per la prima volta, nel suo futuro mondo, è il caso di pensare a stilare una lista di nascita. È una scelta che ha molti aspetti positivi in quanto permette a tutti di fare shopping intelligente. […]