Valentina, la nipote di Ambra Angiolini, sale sul ring

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Se, da una parte, portare un cognome famoso aiuta indubbiamente, dall’altra crea, innegabilmente, delle aspettative che possono contribuire ad innescare situazioni di ansia. È questo il caso di Valentina Angiolini, 26 anni, romana, nipote della più famosa Ambra che, lo scorso 24 febbraio, al PalaTorrino di Roma, ha combattuto il suo secondo match da professionista di pugilato femminile.

Valentina Angiolini, nipote di Ambra sul ring (per la seconda volta)

“Il rovescio della medaglia di portare un cognome famoso è che si suscitano  tante aspettative solo perché si porta quel cognome. Ma il ring non fa sconti” la pensa così ( e come darle torto?) Valentina, nipote di zia  Ambra Angiolini che ha la passione per la box al punto da essere salita sul ring  per la seconda volta lo scorso 24 febbraio.

I risultati degli incontri del 24 febbraio

Per quanto riguarda la cintura Europea dei Piuma, la Campionessa Annalisa Brozzi  ha perso ai punti con la spagnola Sheila Martinez, che si è così laureata nuova regina d’Europa.  A chiudere gli incontri undercard è stata proprio  Valentina Angiolini  che ha superato ai punti la Smith.

 

Valentina Angiolini

Valentina Angiolini

Valentina Angiolini: “Il pugilato è la mia vita”

A differenza di zia Ambra, Valentina Angiolini ha ammesso che il pugilato abbia un posto prioritario nella sua vita: “Io senza pugilato non so stare. Tra Covid e università sono stata 3 anni senza combattere, ma non ho mai smesso di allenarmi. Ho fatto 35 match da dilettante, sono arrivata seconda in un torneo internazionale in Polonia e ho preso l’argento ai campionati universitari. Questione di Dna, mio padre è appassionatissimo di sport da combattimento. La prima volta che ho infilato un guantone è stata come una folgorazione”.

 

Valentina Angiolini

Valentina Angiolini

Valentina: “Da piccola mi scatenavo sulle note di ‘T’appartengo'”

Contrariamente a zia Ambra, Valentina alle luci dello spettacolo ha preferito quelle del ring: “Però mi concedo qualche serata di ballo: salsa, latino americano. Zia Ambra? Ero piccolissima quando nonna metteva le cassette e su ‘T’appartengo’ mi scatenavo. Una canzone intramontabile, visto che successo quando l’ha cantata ad X Factor?”

Valentina Angiolini: “il ring è il mio giardino felice”

Valentina è vitale ed estroversa ( e in questo somiglia tanto alla zia) e viene spontaneo chiedersi come mai non abbia seguito le orme fortunate di Ambra: “Sono una fighter, vado sempre all’attacco, senza respiro. Mi ispiro a Canelo Alvarez e Amanda Serrano.  Ma sono troppo timida e introversa per lavorare nel mondo dello spettacolo. Riesco a restare tranquilla quando so di avere fatto al massimo la preparazione, ho la giusta ansia il giorno dell’incontro e questo è un fattore positivo. E poi so di andare a stare bene, il ring è il mio giardino felice”.

Valentina Angiolini: “Sono una ragazza acqua e sapone”

Valentina Angiolini nonostante la sua bellezza, appartiene alla schiera di donne pugili che non giocano sulla seduzione per attirare l’attenzione al contrario di altre che  sfoggiano costumi che lasciano poco all’immaginazione. “Sono e voglio essere una ragazza acqua e sapone. È in linea con il mio stile di vita. Mi alzo alle 5, dalle 6 alle 7,30 corro, poi vado al lavoro. Ho preso la laurea magistrale, sto facendo un dottorato di ricerca. Poi nel pomeriggio mi alleno di nuovo” ha concluso la nipote di Ambra.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria