Francesco Totti, biografia, carriera, record, Instagram, vita privata

di Redazione

Francesco Totti

Ex calciatore e campione del mondo con la nazionale italiana, ha sempre militato nella Roma, una squadra di cui è stato capitano dal 1998 al 2017, con un record di 19 stagioni. Il suo soprannome è “Er Pupone”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Francesco Totti (@francescototti)

Francesco Totti nasce a Roma, il 27 settembre del 1976, quindi ha 45 anni. Suo padre, Lorenzo, era impiegato di banca, la mamma, Fiorella, governante. Ha un fratello maggiore di nome Riccardo. Ha sposato Ilary Blasi il 19 giugno 2015: la coppia, che ha tre figli, ha ufficializzato la separazione nel mese di luglio del 2022.

La sua prima squadra di calcio è la Fortitudo: l’ingresso nel mondo del pallone avviene da giovanissimo, quando ha 7 anni. Si trasferisce alla Smit Trastevere, dopo disputa il primo campionato dilettantistico, poi, nel 1986, passa alla Lodigiani. Quando ha 12 anni passa alle giovanili della Roma: il capitano di quel periodo della squadra giallorossa è Giuseppe Giannini, che diventa il suo punto di riferimento fin da quando è piccolo.

Ottiene il primo successo nel 1991, a 15 anni, al Torneo internazionale di Sanremo. Conquista lo scudetto con la squadra Allievi e approda poi alla Primavera di Luciano Spinosi, vincendo la Coppa Italia di categoria.

LEGGI ANCHENoemi Bocchi, cosa sappiamo sulla (presunta) nuova fiamma di Francesco Totti.

L’esordio nella Roma

Dopo tre anni di settore giovanile alla Roma, nella stagione 1992-1993 Francesco Totti entra nel giro della prima squadra grazie a Vujadin Boškov, che lo fa esordire in Serie A a 16 anni. È il 28 marzo 1993 e sono i minuti finali della partita Brescia-Roma (0-2). Il debutto assoluto da titolare avviene in occasione della partita di Coppa Italia tra Roma e Sampdoria del 15 dicembre del 1993. L’esordio come titolare in campionato avviene invece il 27 febbraio del 1994, sempre contro la Sampdoria.

Nella stagione 1994-1995 Totti segna la prima rete in Serie A, in una partita contro il Foggia. Diviene titolare nella squadra giallorossa nella stagione successiva e, sempre nello stesso periodo, realizza in Coppa UEFA il primo gol nelle coppe europee. Dopo la stagione 1996-1997, con l’allenatore Carlos Bianchi, arriva sulla panchina della Roma Zdeněk Zeman.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Francesco Totti (@francescototti)

La maglia numero 10

Inizia per Francesco Totti un periodo di maturazione sia fisica che mentale. La sua impostazione tecnica e tattica è compatibile con i rigidi schemi dell’allenatore boemo e diventa fisicamente più potente e completo. Assume anche un ruolo più carismatico nel team. Rifiuta il soprannome di “Er Pupone” e i compagni di squadra lo investono della maglia numero 10.

In questo periodo il suo nome viene suggerito al selezionatore della Nazionale, Cesare Maldini, in vista dei Mondiali di Francia 1998 (Maldini, tuttavia, non lo seleziona). La consacrazione arriva nella stagione seguente: è il 31 ottobre del 1998, quando Aldair gli cede la fascia di capitano e riceve il Guerin d’Oro, in qualità di giocatore con la media voto più alta della Serie A nelle pagelle della stampa specializzata.

A Zeman, nella stagione 1999-2000, succede Fabio Capello, che progetta di costruire una Roma competitiva, intorno alla figura di Totti. Per il 2000-2001 la società acquista Gabriel Batistuta che, insieme a Vincenzo Montella e a Francesco Totti, forma il cosiddetto “trio delle meraviglie”. La Roma vince lo scudetto. Il 19 agosto la squadra vince anche la Supercoppa italiana. Francesco Totti disputa, per la prima volta, la Champions League, segnando in totale 3 gol.

Nella stagione 2002-2003 Totti inizia a ricoprire più spesso il ruolo di centravanti puro. Terminata una stagione 2004-2005 deludente, il 17 giugno 2005 la società giallorossa ufficializza l’arrivo del nuovo tecnico, Luciano Spalletti. Spalletti utilizza Totti come prima punta. In questa annata realizza uno dei suoi gol più belli, durante una partita contro l’Inter. Purtroppo, nella gara di ritorno contro l’Empoli, è vittima della rottura del perone sinistro.

LEGGI ANCHEChi: “Francesco Totti ha passato la notte a casa di Noemi Bocchi”, le foto.

I record di Francesco Totti

Arriviamo dunque al campionato successivo, in cui Francesco Totti batte il suo record personale di gol: è capocannoniere della Serie A e vince la Scarpa d’Oro. Nel corso della stagione Serie A 2007-2008 diventa il giocatore con più presenze in Serie A nella storia della Roma.  Durante il campionato 2009-2010, Francesco Totti ottiene la garanzia di poter rivestire, dopo il ritiro, un ruolo all’interno del settore tecnico della società.

È il 30 settembre del 2014 quando diventa il giocatore più anziano a segnare una rete in Champions League: ha 38 anni e 3 giorni e il march è contro il Manchester City. Il gol realizzato, il 291º con la maglia della Roma, lo rende miglior marcatore di sempre di una squadra italiana, permettendogli di superare Alessandro Del Piero. Il 25 novembre del 2014 migliora ulteriormente il record di marcatore più anziano della competizione, segnando su punizione a 38 anni e 59 giorni.

Francesco Totti trova meno spazio nell’annata 2015-2016. Durante la sfida casalinga contro il Torino del 20 aprile, mette a segno una rete a 22 secondi dal suo ingresso in campo (record stagionale in Serie A e gol più veloce nella carriera del giocatore) e si ripete pochi minuti dopo su rigore. Con i suoi 39 anni e 7 mesi di età diventa il giocatore più grande di età a realizzare una doppietta nella massima serie.

Nella stessa partita supera Roberto Baggio per trasformazioni dal dischetto in Serie A, mettendo a segno il suo 69º rigore in campionato su 86 calciati. L’ultima partita di Francesco Totti con la maglia della Roma si gioca il 28 maggio 2017, contro il Genoa. È la 619ma presenza in Serie A. I tifosi lo omaggiano con una grande festa allo Stadio Olimpico. Per volere del giocatore, la maglia numero 10 non viene ritirata dalla squadra.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Francesco Totti (@francescototti)

Francesco Totti in Nazionale

Nel corso della sua carriera, Totti indossa la maglia di varie nazionali giovanili italiane. Con l’Italia Under-15, nel 1992, totalizza 6 presenze e 3 gol. Passa poi all’Italia Under-16 e, nell’agosto del 1993, viene convocato per il Mondiale Under-17.  Con l’Italia Under-18, nel luglio 1995, è ancora vicecampione europeo.

L’anno successivo vince il campionato europeo Under-21 1996. Con la Nazionale degli azzurrini, dal 1995 al 1997, ottiene 8 presenze e 4 gol. Nel 1997 a Bari, l’Italia Under-23 conquista l’oro ai Giochi del Mediterraneo. Con l’Under-23 gioca 4 partite segnando 2 gol solo nell’anno 1997.

L’esordio in Nazionale maggiore di Francesco Totti avviene il 10 ottobre del 1998, per Italia-Svizzera, valevole per le qualificazioni europee. Prende parte all’Europeo 2000. Contribuisce alla qualificazione per il Campionato del Mondo 2002 e viene convocato da Trapattoni per la fase finale. Viene impiegato con frequenza anche nelle eliminatorie per il campionato d’Europa 2004.

Il nuovo CT della nazionale maggiore, Marcello Lippi, punta su Francesco Totti sin dall’inizio. Viene incluso nella rosa dei 23 per il campionato del mondo del 2006: l’Italia vince i Mondiali il 9 luglio 2006. Dopo la vittoria della coppa, Totti dichiara di volersi ritirare dalla nazionale per potersi concentrare sul solo club giallorosso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Francesco Totti (@francescototti)

Cosa fa Totti dopo il ritiro

In seguito al ritiro nell’agosto del 2017, Francesco Totti diventa dirigente della Roma, ma abbandona la carica il 17 giugno del 2019. Intraprende, sempre nel 2017, il corso da allenatore UEFA B, ma vi rinuncia a causa di impegni manageriali. Nel febbraio del 2020 fonda società di consulenza e assistenza per club e calciatori. Non mancano per lui, esperienze nel mondo dello spettacolo. Nel 2020 fa parte del reality show “Celebrity Hunted: Caccia all’uomo”.

Francesco Totti, vita privata, Instagram

Francesco Totti e Ilary Blasi si sono sposati il 19 giugno 2005, all’Ara Coeli di Roma. Hanno tre figli: Cristian (nato nel 2005), Chanel (2007) e Isabel (2016). In passato per Ilary, in campo, Totti ha sfoggiato due magliette (sotto la maglia della Roma): la prima sulla t-shirt da lui mostrata dopo aver segnato un gol era scritto “Sei unica” e, qualche anno dopo, “Sei sempre unica!”.

Dopo diversi rumors che si sono susseguiti nel corso dei mesi, la coppia ha annunciato la separazione nel mese di luglio del 2022. Su Instagram Francesco Totti è @francescototti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Francesco Totti (@francescototti)


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

4 min

Fabio Volo Il vero nome di Fabio Volo è Fabio Luigi Bonetti. Nasce a Calcinate, il 23 giugno del 1972, quindi ha 50 anni. Cresce a Brescia, dove continua a risiedere. Consegue la licenza media inferiore, ma non completa gli studi liceali. Inizia a lavorare come panettiere con il padre. “A 14 anni ero già […]

7 min

Paolo Villaggio Paolo Villaggio nasce a Genova, il 30 dicembre del 1932. Muore a Roma, il 3 luglio del 2017, all’età di 84 anni. Frequenta il Liceo Classico e prosegue gli studi alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Genova, ma non li porta a termine per dedicarsi a svariati impieghi. Inizia a seguire la società […]

4 min

Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi sono finalmente tornati insieme? Parafrasando  la nota poesia leopardiana potremmo dire “Passata e la tempesta”. Scopriamo, di seguito, cosa sappiamo di questa tanto attesa reunion  che torna a far tornare i fan della coppia che mai hanno smesso di sperare in un riavvicinamento. Vittorio Feltri commenta la “coppia ritrovata”: “Lo […]

5 min

Claudio Bisio Claudio Bisio nasce a Novi Ligure, in provincia di Alessandria, il 19 marzo del 1957, quindi ha 65 anni. Quando ha 5 anni, la sua famiglia si trasferisce a Milano. Negli anni Settanta frequenta il liceo scientifico “Luigi Cremona”, ma è anche molto attivo in politica. Sviluppa la passione per il teatro. Si […]