C’è l’accordo sull’eredità di Silvio Berlusconi: la famiglia si spacca?

di Gaetano Ferraro


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Con la firma apposta a Villa San Martino, l’eredità miliardaria di Silvio Berlusconi passa ufficialmente nelle mani dei figli Marina e Pier Silvio, destinatari della fetta più consistente del patrimonio paterno. Un impero stimato in almeno 5 miliardi di euro, tra partecipazioni, immobili di lusso, opere d’arte e liquidità.

I due figli maggiori controlleranno la maggioranza del patrimonio

I due primogeniti di Berlusconi, che insieme controlleranno più della metà del patrimonio, sono pronti a raccogliere il testimone del padre e guidare il gruppo Fininvest verso nuovi successi? Barbara, Eleonora e Luigi accetteranno senza colpo ferire il destino segnato dal Cavaliere, che ha scelto i figli avuti da Veronica Lario come suoi successori? L’accordo sull’eredità, firmato dopo mesi di trattative dai cinque fratelli Berlusconi, prevede infatti che Marina e Pier Silvio detengano la maggioranza del pacchetto azionario di Fininvest con il 52% delle quote. Mentre Barbara, Eleonora e Luigi si spartiranno il restante 48%, con il 16% a testa.

Barbara, Eleonora e Luigi accetteranno il ruolo di secondi?

Una spartizione che sancisce lo strapotere dei primi due figli del Cavaliere, con buona pace degli ultimi nati che dovranno accontentarsi di un ruolo da comprimari. Saranno loro a gestire l’impero di papà Silvio e a decidere le strategie future di Mediaset, Mondadori e Mediolanum.

Il testamento divide la famiglia Berlusconi?

Ma i fratelli minori digeriranno facilmente il ruolo di eterni secondi assegnatogli da papà Silvio? O covano già il desiderio di ribellarsi al testamento ed emergere dall’ombra ingombrante dei fratelli maggiori? Con il testamento appena firmato, il patriarca Berlusconi sembra aver spaccato per sempre la famiglia: da una parte Marina e Pier Silvio, dall’altra gli altri tre fratelli. Una frattura insanabile tra eredi di serie A ed eredi di serie B potrebbe minare la stabilità del gruppo ed esporlo ad attacchi esterni.

Riusciranno i fratelli a restare uniti?

Sarà questa la fine del mito della famiglia Berlusconi unita attorno al patriarca Silvio? Dopo la sua scomparsa, i figli tradiranno presto i suoi insegnamenti e si faranno la guerra per soldi e potere? Il tempo darà le sue risposte. Per ora, l’accettazione piena e totale del testamento sembra confermare la volontà di andare avanti uniti. Ma tra le righe si intravedono già i primi segnali di una possibile escalation. La clausola di blocco azionario di 5 anni potrebbe non bastare a tenere a bada le ambizioni dei fratelli minori.

Possibili tensioni future tra gli eredi

L’eredità di Berlusconi rischia di trasformarsi nella miccia che farà deflagrare gli equilibri di potere in Fininvest. Il tempo di lutto potrebbe presto lasciare spazio a resa dei conti e scontri fratricidi. L’impero di Berlusconi è una polveriera pronta a esplodere?

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Le condizioni di salute di Fedez hanno messo in allarme tutti nelle ultime ore, da quando si è scoperto del suo ricovero al Policlinico a causa di un’emorragia interna, esattamente, come era accaduto a settembre 2023, quando al suo fianco c’era Chiara Ferragni. Questa volta nessuno era preoccupato per lui, che era in studio di […]