Brooke Shields senza filtri: “Su Playboy a 10 anni, a 11 il primo bacio sul set”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Brooke Shields è la protagonista di un nuovo documentario appena uscito per Hulu. L’ex modella si racconta senza filtri e confessa luci e ombre sul suo passato. Dall’ossessione dei media alle esperienze sul set, fino al dramma della violenza sessuale subita a 20 anni.

Pretty Baby: Brooke Shields

Nel corso della sua carriera, Brooke Shields ha bruciato velocemente molte tappe. A 10 anni ha posato nuda per Playboy, a 11 ha interpretato una prostituta-bambina nel film “Pretty Baby”, a 14 è stata la più giovane modella a sfilare per Vogue, a 15 è apparsa nuda in “Laguna Blu“.

All’epoca, i media furono ossessionati da lei e al suo corpo: un’oggettivazione che, tra gli anni Settanta e Ottanta non destò troppo scalpore, ma che oggi sicuramente accenderebbe il dibattito. Oggi, a 57 anni, Shields si chiede come ciò sia stato possibile e parla di questo e di altro nel documentario “Pretty Baby: Brooke Shields”, presentato al Sundance Film Festival 2023 e appena uscito su Hulu.

Nel 1978 l’ex modella è sul set del film “Pretty Baby” di Louis Malle. Ha 11 anni e veste i panni di una prostituta bambina: in una delle scene, bacia l’attore Keith Carradine, che all’epoca aveva 29 anni, e quello fu il suo primo bacio.

“Anche se lei era pienamente consapevole del ruolo che stava interpretando – racconta la regista del documentario, Lana Wilson – e anche se aveva realizzato che recitare era simulazione, non posso fare a meno di pensare: ”Questa è una reale ragazzina di undici anni che deve baciare un vero uomo di 29 anni””. In un’intervista ripresa nel documentario, si vede Brooke Shields, da bambina, che commenta il suo ruolo nel film con queste parole: “Penso che sia divertente“.

“Quello è stato un momento duro per me – racconta oggi l’attrice 57enne – Non so perché, ma all’epoca mia madre pensò che fosse tutto okay“. Il rapporto con la madre è un altro dei punti cardine del documentario. Fu proprio la madre, a dare il consenso per un servizio di nudo che uscì su Playboy, quando Brooke aveva appena 10 anni .

La violenza subita a 20 anni

Nella narrazione, inoltre, si affronta anche lo stupro che la ex modella ha subito quando aveva 20 anni. Shields pensava di dover partecipare a un casting per un film. Il presunto produttore, dopo averla invitata in albergo per una cena, si fece accompagnare in camera per chiamarle un taxi, ma lì la violentò: “Avevo paura di soffocare o qualcosa del genere. Non ho lottato molto, ero assolutamente congelata. Pensavo che il mio no dovesse essere sufficiente. E pensai solo: Cerca di sopravvivere e venirne fuori”.

L’argomento della sessualità ritorna nel documentario anche quando Brooke Shields racconta del momento in cui ha perso la verginità, con il fidanzato dell’epoca, la star di Superman Dean Cain. Lei aveva 22 anni e i due avevano iniziato a frequentarsi da studenti, alla Princeton University. L’ex modella ricorda che lui si sentì subito a suo agio, ma lei non troppo: “Dopo la prima volta sono letteralmente corsa via nuda“.

Foto: Depositphotos.com.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il mitico “Gimbo”, all’anagrafe Gianmarco Tamberi, 32 anni, altista italiano originario di Civitanove Marche, campione olimpico, ai mondiali di Budapest 2023, che in questi giorni ha vinto l’oro agli europei di Roma, è sposato con Chiara Bontempi. Chiara Bontempi e Gianmarco Tamberi sono sposati da meno di due anni, il 1° settembre 2022, ma sono […]