Unghie incarnite, quali sono le cause e quali cure seguire

di Redazione con ChatGPT


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Le unghie incarnite si verificano quando il bordo laterale o la punta dell’unghia penetra nella pelle circostante, causando dolore, arrossamento, infiammazione e infezione.

Solitamente, le unghie incarnite si verificano sulle dita dei piedi, ma possono anche verificarsi sulle dita delle mani. Le cause comuni comprendono scarpe troppo strette, taglio sbagliato delle unghie, unghie spesse o curve, traumi alla zona delle unghie, o predisposizione genetica. Possono essere curate a casa con misure di igiene e trattamenti appropriati, ma in casi gravi potrebbe essere necessario un intervento medico.

Quali sono le cause delle unghie incarnite?

Le unghie incarnite sono causate principalmente da una crescita anormale dell’unghia o da un taglio errato delle unghie. Tra le cause più comuni ci sono:

  1. Scarpe strette o inadatte: l’uso di scarpe troppo strette o inadatte può comprimere le dita dei piedi e causare la crescita dell’unghia nel tessuto circostante.
  2. Taglio errato delle unghie: il taglio sbagliato delle unghie, come arrotondare i bordi o tagliare troppo corto i lati dell’unghia, può far sì che l’unghia cresca nella pelle.
  3. Forma anomala delle unghie: alcune persone hanno unghie che sono naturalmente più spesse, curve o con una forma anomala che può aumentare il rischio di unghie incarnite.
  4. Lesioni o traumi: le lesioni o i traumi alle dita dei piedi o delle mani possono causare l’unghia incarnita.
  5. Predisposizione genetica: alcune persone possono essere più predisposte a sviluppare unghie incarnite a causa di fattori genetici.
  6. Condizioni mediche: alcune condizioni mediche come il diabete, la neuropatia e la ridotta circolazione sanguigna possono aumentare il rischio di sviluppare unghie incarnite.

Come curare le unghie incarnite?

La cura di un’unghia incarnita dipende dalla gravità e dall’entità dell’infezione. In generale,  possono essere curate a casa seguendo i seguenti passi:

  1. Immergere il piede o la mano colpiti in acqua tiepida con sale per 15-20 minuti, due volte al giorno. Questo aiuterà ad ammorbidire l’unghia e ridurre l’infiammazione.
  2. Se la zona è infetta, applicare una soluzione di acqua e perossido di idrogeno (acqua ossigenata) o una crema antibiotica sulla zona interessata.
  3. Utilizzare un filo o un tampone di cotone per sollevare l’unghia e separarla delicatamente dalla pelle.
  4. Tagliare l’unghia dritta, evitando di tagliare troppo vicino alla pelle.
  5. Coprire la zona con una medicazione sterile.
  6. Ripetere questi passaggi fino a quando la condizione si risolve.

In caso di infezione grave, dolore intenso o presenza di pus, è necessario rivolgersi al proprio medico o a un podologo per un’adeguata cura.

Foto da DepositPhotos.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Gli shirataki sono un tipo di noodle tradizionale giapponese che sta guadagnando popolarità in tutto il mondo per le sue proprietà uniche e i suoi benefici per la salute. Questi noodles sono realizzati dalla radice di konjac, una pianta che cresce in alcune parti dell’Asia. Il nome “shirataki” significa “cascata bianca”, un riferimento all’aspetto traslucido […]

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]