La “sfincia” di San Giuseppe, dolce siciliano immancabile il 19 marzo

di Manuela Zanni

Se avessimo il privilegio di sbirciare nelle cucine delle donne siciliane,  soprattutto nelle case della Sicilia occidentale, nel giorno di San Giuseppe, che, come è noto, si festeggia il 19 marzo, saremmo pervasi da un  ineguagliabile trionfo di profumi che derivano dalla preparazione del dolce che si prepara in onore del santo: le “sfinci”.

Sfincia di San Giuseppe

 

Ingredienti
Per l’impasto
500 grammi di farina di grano tenero
500 grammi di acqua
5 uova ( di galline allevate all’aria aperta)
100 grammi di strutto ( o  burro o  margarina senza grassi idrogenati)
10 grammi di sale
un pizzico di bicarbonato
olio di semi abbondante per friggere

 

Per la crema di ricotta
1 kg gr di ricotta (500 gr  se non volete anche farcirle )
500 gr di  zucchero
100 gr di cioccolata fondente (a gocce)
150 grammi di zuccata
scorze d’arancia o ciliegie candite q.b.
granella di pistacchi q.b.

Fate bollire nell’acqua lo strutto ( o burro o margarina) ed il sale. Aggiungete la farina continuando a mescolare sino a quando la pasta sarà diventata compatta. A questo punto, stendetela  più volte con il matterello fino a quando sarà tiepida. Adesso create una palla con la pasta e unitevi le uova, una alla volta, avendo cura di unire l’uovo successivo solo quando il precedente è ben assorbito dalla pasta. Quindi aggiungete il pizzico di bicarbonato e lavorate  fino a  quando il composto sarà ben amalgamato.
Prendere il composto a cucchiaiate (non troppo grandi e poche alla volta) e tuffatele nell’olio, non troppo bollente ma abbastanza caldo, e fate cuocere,  immergendole continuamente, fin quando le “sfince” saranno ben dorate. Man mano che saranno pronte, metterle a sgocciolare su carta assorbente e fatele raffreddare.
Nel frattempo passate la ricotta tre volte al setaccio. Quindi lavoratela con lo zucchero, aggiungete la cioccolata e la zuccata a pezzetti amalgamando bene il tutto. A questo punto con una siringa o un sac a poche praticate un foro nelle “sfince” e fate farcitele con la crema, quindi spalmatene ancora sulla parte esterna. Decorate con la granella di pistacchi con le scorze d’arancia e ciliegie candite.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Dopo un pasto, il pomeriggio a merenda o la mattina a colazione la panna cotta è sempre la scelta giusta. Si tratta di un dolce tipico della cucina Italiana, di origine piemontese, a base di panna, latte e zucchero che si addensano grazie alla colla di pesce. Va servito freddo e ci sono tante varianti […]

3 min

Con “muluni” nel dialetto siciliano si intende l’anguria, frutto tropicale che ad agosto raggiunge la piena maturazione. Si  tratta di un  frutto tropicale, importato dall’Africa e dall’Asia, che, all’inizio della sua diffusione,  venne considerato, cibo della plebe per poi nobilitarsi nelle mense dei ricchi. In Sicilia, oggi, la coltivazione dei meloni è molto diffusa  basti […]

3 min

La penna del  Maestro Andrea Camilleri oltre ad essere nota per le avventure del Commissario Montalbano è celebre per le descrizioni pedisseque delle golosità della tradizione siciliana che sono  diventati nel tempo parte integrante  del racconto stesso. Tra queste la celebre  pasta di Adelina la parmigiana di melanzane  e, non ultima, la granita di limone.    Le […]