8 fertilizzanti naturali per l’orto e per il giardino, dal caffè alle alghe

di Claudia Scorza

[multipage]

Se possiamo evitare di usare fertilizzanti e antiparassitari chimici nel nostro orto e nel nostro giardino è sicuramente meglio per la nostra salute e per le piante che andiamo a coltivare! In alternativa possiamo utilizzare elementi casalinghi assolutamente naturali, così da permettere alle piante di crescere nel migliore dei modi, nel pieno rispetto dell’ambiente circostante. La fertilizzazione dell’orto e del giardino è un elemento fondamentale perché migliora la capacità produttiva delle piante e fornisce un’equilibrata quantità di sostanze nutritive anche al terreno. Possiamo quindi garantire la fertilità del suolo nella forma più pregiata e, cioè, utilizzando quella organica. Ma quali sono i rifiuti che produciamo che possono essere riutilizzati come fertilizzanti naturali per arricchire la terra? Dalle bucce di banana ai fondi caffè, dalle alghe alla cenere, ecco quali elementi trasformare in compostaggio domestico!

[/multipage]

[multipage]

1.    Bucce di banana

Le bucce delle banane sono ricche di potassio e quindi possono fornire alle piante un’integrazione di sali minerali importante. Tenetele da parte e tritatele in pezzetti minuscoli, poi mettetele ai piedi delle piante da sottoporre al trattamento. Se invece volete creare un fertilizzante più potente, potete spezzettarle e metterle in un recipiente con un po’ d’acqua, lasciandole in infuso per qualche settimana fino a quando saranno fermentate. In seguito, distribuite il liquido sul terreno dell’orto e del giardino o vaporizzatelo sulle piante.

[/multipage]

[multipage]

2.    Fondi di caffè

Sono tanti gli utilizzi dei fondi del caffè e quello come fertilizzante è sicuramente uno di questi. L’azoto e gli antiossidanti contenuti rendono i fondi del caffè ottimi concimi naturali. Potete aggiungerli al compost o utilizzarli da soli mettendoli direttamente sul suolo. Attenzione, però, a non esagerare con la quantità per rischiate di rendere il terreno troppo acido.

[/multipage]

[multipage]

3.    Gusci d’uovo

I gusci d’uovo sono un ottimo fertilizzante e un efficace antiparassitario naturale. Riducete in pezzi i gusci e disponeteli ai piedi delle piante da trattare. Così facendo favorirete la crescita degli ortaggi, terrete lontani vermi, bruchi e lumache, preservando anche le foglie.

[/multipage]

[multipage]

4.    Alghe

Chi avrebbe mai detto che le alghe sono un fertilizzante naturale molto valido? Ebbene sì, basta risciacquarle e versarle in un contenitore pieno d’acqua, coprirle e lasciarle riposare per circa due mesi per ottenere un macerato. Una volta ottenuta la consistenza desiderata, diluite il composto con altra acqua e spruzzatelo alla base delle piante così da stimolare e accelerare la produzione di fiori e frutti.

[/multipage]

[multipage]

5.    Cenere

Chi ha un camino in casa può approfittare della cenere di legno e utilizzarla come fertilizzante. Infatti, la cenere di legno e la cenere di foglie, non solo sono un ottimo smacchiatore, ma anche un concime naturale perchè ricco di importanti sostanze nutritive per il terreno. Potete mischiare un po’ di cenere al terriccio e cospargere la terra ottenuta alla base delle piante che volete fertilizzare.

[/multipage]

[multipage]

6.    Vino rosso

Il vino rosso rende più fertile la terra grazie all’elevata quantità di sali minerali in esso contenuto. Basta tenere un po’ di fondo di bottiglia da mischiare a dell’acqua e poi versarlo sul suolo, così da stimolare la fioritura delle piante.

[/multipage]

[multipage]

7.    Peperoncino

La polvere di peperoncino è un ottimo fertilizzante e un fantastico antiparassitario naturale grazie alla presenza di capsaicina. Sciogliete circa 2 grammi di polvere di peperoncino in un litro d’acqua e vaporizzatelo sulle piante, soprattutto su quelle un po’ malaticce.

[/multipage]

[multipage]

8.    Lievito di birra

Anche il lievito di birra è una perfetta soluzione per fertilizzare la terra, soprattutto grazie alle vitamine del gruppo B. Il lievito di birra, infatti, stimola la fioritura di molte piante, soprattutto delle rose. Sciogliete tre cucchiai di lievito in dieci litri d’acqua e poi annaffiate il giardino o le piante che volete trattare.

Leggi anche:

[/multipage]


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

In questi giorni uno dei temi più caldi, oltre alla triste notizia della scomparsa di Sua Maestà la Regina II d’Inghilterra, è legato al razionamento della luce. Scopriamo, di seguito, di cosa si tratta e in cosa consiste nel dettaglio. Perché sostituiscono i contatori luce, acqua e gas A breve l’Europa si avvicinerà  verso l’obbligo […]

2 min

Esistono dei metodi per eliminare i cattivi odori in casa. Purtroppo a volte succede che questi siano persistenti e che non vadano via semplicemente spalancando la finestra. Ecco tutti i rimedi per eliminarli. Cattivi odori in casa: come eliminarli Ci sono certi odori che inevitabilmente possono trovarsi in casa. La puzza di fritto a volte […]

2 min

Un nido di vespe può essere un problema serio, oltre a fare paura a chiunque lo scopra. Fortunatamente ci sono dei metodi per rimuoverli in completa sicurezza. Come riconoscere un nido di vespe Non è difficile da riconoscere. I luoghi in cui più frequentemente sono: sul balcone, sotto la grondaia in prossimità di strutture di […]

2 min

La muffa può colpire qualunque cosa. Che sia cibo, mobili, pareti e persino vestiti. Purtroppo insieme a questo si aggiunge un odore sgradevole che è difficile da togliere. Se non interveniamo nel modo giusto c’è il rischio di perdere i nostri capi. Fortunatamente per ogni tessuto c’è un rimedio naturale fatto apposta per lui. Come […]

3 min

Per realizzare il sapone fatto in casa sono necessari gli ingredienti giusti. Il procedimento non è semplicissimo, ma con i giusti accorgimenti riuscirete a fare tutto nel migliore dei modi. Basta questo e una dose di pazienza. Inoltre potrete aggiungere al composto la fragranza che più preferite così da personalizzare il vostro sapone. Come realizzare […]