Valentina Leporati cacciata dal ristorante perché celiaca: lo sfogo

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Valentina Leporati è una social influencer da oltre 76mila follower che, su Instagram si firma ‘Valentina Glutin Free‘ perché celiaca.

La celiachia, lo ricordiamo, è una malattia autoimmune cronica, causata dall’ingestione di glutine, che provoca una reazione immunitaria che può causare vari sintomi gastrointestinali, come diarrea, gonfiore addominale, nausea, vomito, stitichezza e perdita di peso.

Ebbene, Valentina ha raccontato sul suo profilo di essersi imbattuta in un ristorante in cui “non ammettiamo celiaci”.

Il racconto

“La settimana scorsa, per la prima volta nella mia vita, mi sono sentita dire una frase che mi ha letteralmente lasciata senza parole. Chiamo un ristorante della mia zona per prenotare e quando faccio presente di essere celiaca mi viene risposto: ‘qui non accettiamo i celiaci‘.

Io, che di solito rispondo a tono e sono un fiume in piena di parole, sono rimasta in silenzio. Mi sono sentita discriminata, esclusa, diversa è sbagliata. Non provavo questa sensazione da tantissimo tempo. Eppure sono abituata alla disinformazione e all’ignoranza. Nonostante la mia corazza ormai dura questa frase mi ha davvero ferita. Lasciata fuori da un locale a causa della mia malattia.

A causa di quello che non ho scelto ma che fa parte di me in modo indissolubile. Come ne fa parte il colore della mia pelle, il mio genere, i miei capelli, la mia altezza. Discriminata per una mia caratteristica intrinseca.

Sono rimasta sconvolta e ho preso del tempo per calmarmi prima di parlarvene e denunciare questa cosa in modo che nessuno mai più si permetta di pronunciare una frase simile. Io ho i mezzi per gestire la frustrazione e la rabbia ma pensate ad un adolescente o ad un bambino: come si sarebbero sentiti al posto mio?

Ad oggi abbiamo tutte le possibilità per essere inclusivo, informati e rispettosi quindi questo atteggiamento non è assolutamente giustificabile. Quello che fa la differenza è la conoscenza perché se si conosce la celiachia si sa come preparare un pasto in sicurezza con poche e semplici attenzioni. Non ci sono più scuse. Grazie per avermi ascoltata”.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria