Torna in classe Marisa Francescangeli, la ‘maestra delle preghiere’ di Oristano

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Marisa Francescangeli, insegnante di San Vero Milis (Oristano), è tornata in classe dopo essere stata sospesa dal dirigente scolastico a causa delle polemiche scaturite dall’aver fatto recitare le preghiere in classe.

Secondo la ricostruzione della donna, le polemiche sono nate a causa di due preghiere e di un rosario costruito dagli alunni come lavoretto di Natale.

Tuttavia, secondo le accuse, l’insegnante avrebbe indottrinato i bambini con l’unzione con l’olio di Medjugorie e con video su catastrofi naturali attribuite all’ira di Dio per i peccati degli uomini, il che ha portato al provvedimento disciplinare preso dal dirigente scolastico.

Nonostante ciò, la maggior parte dei genitori ha accolto Marisa Francescangeli con fiori e abbracci, e la donna ha dichiarato che continuerà a far recitare le preghiere in classe.

Tuttavia, alcuni colleghi hanno più volte segnalato al dirigente la sua linea di insegnamento, mentre il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara si è schierato contro di lei.

Al contrario, Vittorio Sgarbi e il ministro Matteo Salvini hanno espresso il loro sostegno all’insegnante.

Il ricorso presentato dall’insegnante la scorsa settimana è seguito dall’ufficio legale della UIL. Nel frattempo, sul muro della scuola è comparsa la scritta “A pregai in crèsia“, che significa “A pregare in chiesa“.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria