Stupro di Catania: stop alla strumentalizzazione ma cerchiamo soluzioni

di Walter Giannò


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il terribile stupro di gruppo di Catania ha ovviamente sconvolto l’intera comunità italiana. Tuttavia, come già successo con quello avvenuto alcuni mesi fa a Palermo, stiamo assistendo allo stesso errore: spostare l’attenzione dalla vittima agli aggressori e in particolare al fatto che siano di nazionalità egiziana, ospiti del centro migranti.

In poche parole, è in corso una strumentalizzazione – le elezioni europee tra l’altro non sono lontane – che non punta a trovare soluzioni concrete per prevenire queste violenze aberranti ma ad attaccare l’avversario politico. E come? Dando la colpa dello stupro avvenuto in pieno giorno alla villa Bellini anche al sistema dell’accoglienza.

Eppure, come accaduto nel caso poco su citato della violenza di Palermo o in quello sotto processo che coinvolge anche il figlio di Beppe Grillo, la nazionalità degli aggressori non c’entra bensì il sistema di disvalori di cui fanno parte i giovani che hanno commesso queste azioni atroci, seconde solo agli omicidi.

Per di più, stiamo assistendo alla solita ‘tiritera’ della necessità di pene più dure, anche estreme – come la castrazione chimica proposta periodicamente dal ministro Matteo Salvini, leader della Lega – e non alla promozione di campagne di prevenzione lì dove ogni giovane dovrebbe essere educato alla socialità e al rispetto del prossimo: la scuola e in ogni struttura di aggregazione giovanile.

In poche parole, ci si sta concentrando ancora una volta sugli effetti di un fatto tragico e non sulle cause psicologiche e sociologiche che lo hanno determinato.

Sia chiaro: la legge deve essere dura e soprattutto certa. Agli stupri non possono non conseguire pene significative e davvero afflittive. Tuttavia, non bisogna perdere di vista neanche l’ordine, come giustamente sottolienato da Matteo Renzi, leader di Italia Viva, nella sua e-news di oggi: “La vicenda di Catania lascia inorriditi. La destra strumentalizza questo tema quando è all’opposizione e non fa nulla quando è al governo. La sinistra finge di non vedere che qui siamo davanti a un’emergenza, perché anche in Italia le baby gang stanno diventando un problema serio. Bisogna riscoprire la lezione di Tony Blair: duri con il crimine, duri con le cause del crimine. Legge e ordine sono parole chiave della nostra sfida politica, non sono slogan”.

Ecco il punto: i crimini, soprattutto giovanili, non si limitano solo con lo strumento della punizione ma anche con quello della deterrenza e dell’educazione sociale. Così come, nelle carceri, non bisogna limitarsi solo a recludere ma anche a promuovere il recupero sociale del reo, altrimenti, scontata la pena, non ci sarà alcuna certezza sulla qualità della sua risocializzazione.

Quindi, meno odio inutile e più soluzioni. E sì, meno parole e più fatti.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria