Ecco le prime monete con il profilo di re Carlo III (FOTO)

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Diffuse le immagini delle prime monete con il profilo di re Carlo III.

La Royal Mint, l’organismo autorizzato a coniare le monete nel Regno Unito, come riportato su LadBible.com, ha mostrato una moneta da 50 pence e una corona da 5 sterline con l’effigie del nuovo monarca britannico.

Il mese prossimo, inoltre, la Royal Mint rilascerà una serie di monete commemorative per celebrare la vita della regina Elisabetta II.

L’effigie di re Carlo III è stata creata dallo scultore Martin Jennings e il monarca ha dato la sua approvazione personale al progetto. L’artista ha dichiarato: “È un privilegio scolpire la prima effigie ufficiale di Sua Maestà e ricevere la sua personale approvazione per il progetto. Il ritratto è stato scolpito da una fotografia del re ed è stato ispirato dalle iconiche effigi che hanno abbellito le monete britanniche nel corso dei secoli”.

In linea con la tradizione, l’effigie di Carlo è rivolta a sinistra, in direzione opposta alla defunta regina. L’iscrizione latina che circonda l’effigie recita: “• CHARLES III • D • G • REX • F • D • 5 POUNDS • 2022” che si traduce in: “Re Carlo III, per grazia di Dio, difensore della fede”.

Tutte le monete del Regno Unito che portano l’effigie della regina Elisabetta II – circa 27 miliardi – rimarranno in circolazione e avranno valore leale: saranno sostituite nel tempo man mano che verranno danneggiate o usurate.

LEGGI ANCHE: Regina Elisabetta, pubblicato il certificato di morte: la causa del decesso.

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’attesa è terminata. Oggi, lunedì 10 giugno alle 11.22, è venuta al mondo Nicole, figlia del nostro giornalista Gaetano Ferraro e di sua moglie Carmen. La piccola pesa 3,3 chili ed è lunga 49 centimetri. Nicole sta benissimo e anche la mamma e il papà, che sono felicissimi di poterla finalmente stringere tra le braccia. […]