La minigonna si alza e una ragazza viene filmata da una donna: il video viaggia su WhatsApp

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Una ragazza di 22 anni è stata filmata con un cellulare a sua insaputa mentre passeggiava, insieme al fidanzato, con la minigonna alzata nel centro commerciale di Bariblu a Triggiano, nel Barese. A girare il video mentre la coppia camminava tra i negozi sarebbe stata una donna, di cui si sentono le voci nel filmato. “Non si può vedere, è impossibile una cosa del genere, con un corpo di m… così”, dice. E ancora, nel filmato si sente un’altra voce femminile: “Ma il fidanzato l’ha vista?” e “questa è da TikTok”.

Il video diffuso su WhatsApp e social scatena polemiche

Il video – secondo quanto riporta oggi l’edizione barese di Repubblica – ha cominciato a circolare su WhatsApp e in altre chat, corredato da commenti sprezzanti sull’abbigliamento e sul corpo della ragazza. “Spero che chi l’ha fatto venga denunciato”, ha commentato l’attrice e regista barese Licia Lanera, che ha invitato il sindaco di Bari Antonio Decaro a intervenire: “Questa è violenza contro le donne”.

La vittima: “Questo è bullismo, denuncerò”

La ragazza filmata a sua insaputa e insultata ha voluto lanciare un messaggio a Tg Norba: “Non voglio lasciar correre perché questo non deve più accadere né a me né a nessun altro. Questo è bullismo. La gonna si è alzata, questa signora poteva essere mia madre, mi sarebbe piaciuto di più se si fosse avvicinata a me e mi avesse avvisata. E sono proprio le persone dell’età dei miei genitori a condividere il video”. La ragazza si è rivolta a un avvocato anche per interrompere le condivisioni del filmato in rete. Ha denunciato tutto alla polizia, anche se in questi casi risulta piuttosto difficile risalire a chi ha girato il video originario.

Indignazione sul web

L’episodio ha scatenato indignazione sui social network. In tanti hanno espresso solidarietà alla vittima di questo atto di bullismo, chiedendo maggiore tutela della privacy e azioni legali contro chi ha filmato e diffuso le immagini. “Comportamenti simili non possono essere tollerati”, scrive un utente su Twitter.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria