Ministra Roccella: “Facevamo più figli quando eravamo più poveri”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Eugenia Roccella, ministra alla Famiglia, alla Natalità e alle Pari Opportunità, ospite di Porta a Porta, il programma di Raiuno condotto da Bruno Vespa, ha commentato il tema del calo della natalità in Italia.

Roccella ha affermato: “È una questione economica ma soprattutto una questione culturale, anche perché facevamo molti, ma molti più figli quando eravamo più poveri negli anni ’50, negli anni ’60 e subito dopo la guerra in un momento in cui sicuramente avevamo molte più difficoltà di oggi”.

“Quello che dobbiamo fare oggi è proprio adeguare i provvedimenti che possiamo prendere al mondo che cambia e quindi è fondamentale che oggi le donne possano fare figli mantenendo la loro carriera, la loro possibilità di espandere i loro interessi, le loro vocazioni anche in altri campi che non siano la casa, la maternità, la vita familiare. E questo è fondamentale”.

 “Creare quel contesto favorevole alla famiglia e alla natalità, oltre a mettere al centro le pari opportunità, punto fondamentale, non può farlo solo lo Stato, solo il governo – ha aggiunto – Noi faremo la nostra parte e lo abbiamo fatto in vari provvedimenti, però bisogna coinvolgere tutti”.

“Ad esempio c’è un’attenzione importante al welfare aziendale – ha sottolineato la ministra – ma bisogna allargare. Faccio subito un appello qui: la Rai non ha un asilo nido”.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria