Berlusconi ricoverato in ospedale: cosa gli è successo?

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

C’è preoccupazione per le condizioni di salute di Silvio Berlusconi, ricoverato stamane all’ospedale San Raffaele di Milano, a seguito di un’infezione polmonare, tenuta sotto controllo con antidolorifici e antibiotici.

L’ex premier, 86 anni, sarebbe in condizioni stabile e vigile.

Il presidente di Forza Italia è stato portato in mattinata nella struttura ospedaliera, dove è arrivato con affanno respiratorio, e inizialmente si era parlato di problemi cardiovascolari.

L’attuale senatore era già stato ricoverato al San Raffaele lo scorso 27 marzo ed è stato dimesso dopo quattro giorni per trascorrere la convalescenza a villa San Martino, ad Arcore.

Antonio Tajani, ministro degli Esteri, e coordinatore nazionale di Forza Italia, ha detto ai giornalisti, in un punto stampa a Bruxelles: “Siamo stati al chiuso e non ho avuto il telefono fino a pochi momenti fa. E’ ricoverato in terapia intensiva perché non era stato risolto il problema che riguardava una infezione, ma parla. Questo è quello che so”.

Cos’è l’infezione polmonare?

L’infezione polmonare, nota anche come polmonite, è una condizione in cui i tessuti polmonari si infiammano e si riempiono di liquido a causa di un’infezione batterica, virale o fungina. Questo può rendere difficile la respirazione e causare sintomi come febbre, tosse, respiro affannoso, dolore toracico e affaticamento. La polmonite può colpire persone di tutte le età, ma è più comune negli anziani e in coloro che hanno un sistema immunitario indebolito. Il trattamento dipende dalla causa sottostante e può includere antibiotici, antivirali o antifungini, oltre a misure di supporto come l’ossigenoterapia e l’idratazione.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria