Alex che ha ucciso il papà per difendere la madre: “Oggi sono pentito”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Alex Cotoia, prima della condanna in secondo a 6 anni e 2 mesi di reclusione per l’omicidio del padre, Giuseppe Pompa, nel 2020, dopo l’assoluzione in primo grado per legittima difesa, ospite di One More Time, il podcast di Luca Casadei sull’APP OnePodcast, ha affermato: “Mia madre era diventata la sua ossessione. Quando andavano in macchina insieme, mio padre la terrorizzava per gelosia e possessività ad un livello estremo. Lui era geloso e voleva a tutti i costi controllare in tutto e per tutto la vita di mia mamma”.

Più volte Alex, il fratello Loris e sua madre hanno pensato di scappare e provato a chiedere aiuto ai familiari ma non hanno mai denunciato perché “avevamo paura delle conseguenze. Lui diceva ‘i carabinieri non arriverebbero in tempo, vi ritrovano tutti morti, vi faccio a pezzettini’. Il nostro pensiero era ora l’ammazza, Eravamo sempre in allerta e sotto pressione”, ha spiegato il 23 enne che ha deciso di prendere il cognome della madre.

Il 30 aprile 2020, quando vivevano già a Collegno, in provincia di Torino, il padre va oltre e si avvicina ai coltelli. Nel timore che potesse uccidere sua madre, Alex ha reagito: “Oggi sono pentito di quello che ho fatto. È veramente difficile alzarsi e avere sulle spalle il peso di aver ucciso mio padre per salvare la mia famiglia. È un peso enorme. Sotto il punto di vista psicologico dico di aver già ricevuto il mio ergastolo”, ha detto.

Alex ha anche rivelato che “la prima volta che mi ha picchiato avevo 6 anni. Avevo fatto cadere una cosa per terra e mi ha tirato un calcio così violento che sento il dolore ancora adesso se ci penso. Verso i 10, 11 anni inizio a capire che nella nostra famiglia c’era qualcosa di diverso, inizio a capire che insulti, minacce e botte nei confronti nostri e di mia mamma non erano cose normali… In pubblico era molto equilibrato, voleva apparire come una persona a modo. Usava le mani, cinghie e spesso anche coltelli”.

“Con gli amici – ha concluso il 23enne – inventavo scuse, mettevo il fondotinta di mia mamma sul viso per mascherare i segni della sua violenza. Questa cosa ha condizionato tantissimo il mio rapporto con gli altri perché avevo paura di relazionarmi, avevo paura che gli altri riuscissero in qualche modo a scoprire quello che stavo vivendo a casa. Non volevo essere Alex quello che ha problemi a casa, ma Alex che ha delle passioni”.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria