Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

5 usi alternativi della candeggina

Hobby e Casa - 5 settembre 2017 Vedi anche: Consigli pulizie casa, Rimedi casalinghi

Vediamo5 usi alternativi della candeggina che la rendono una immancabile alleata di igiene e pulizia in casa. Ecco come usarla correttamente in modo alternativo!

La candeggina, come dice la sua stessa definizione, ha tra i suoi usi quasi esclusivi quello di candeggiare. La sua composizione chimica, infatti, è tale che essa è il prodotto domestico che più di tutti candeggia il bucato, gli stracci e la biancheria.
La candeggina ha anche diversi alcuni usi alternativi come disinfettante, sporicida e fungicida, alleato del giardinaggio e igienizzante che la rendono grande alleata delle pulizie e degli hobby in casa. Vediamoli!

Candeggina come sbiancante

Come sbiancante la candeggina può essere usata direttamente sulla spugna per sbiancare le superfici bianche macchiate. Aiuta ad eliminare le macchie di grasso di sporco più ostinato e i residui, eliminando anche i cattivi odori. È possibile usare la candeggina in lavatrice, purché sia prevista la funzione candeggio o prelavaggio, mettendone mezzo bicchiere nell’apposita vaschetta e attivando il normale funzionamento. Questo procedimento è ideale per rimuovere anche aloni di sudore e deodorante.

LEGGI ANCHE: Come pulire le piastrelle del bagno

Candeggina come disinfettante

La candeggina è anche un ottimo disinfettante. Diluendone un bicchiere in un secchio di acqua fredda, si può usare la candeggina per pulire e disinfettare i pavimenti di casa o quelli di terrazzo e balconi. Una miscela di acqua e candeggina è utilissima anche per disinfettare regolarmente gli attrezzi da cucina che vengono in contatto con alimenti crudi, come ad esempio coltelli, affettatrici, insalatiere e fruste. Basterà immergere una spugna nella candeggina diluita e passarla nella superficie da pulire, lasciare agire per qualche secondo e poi sciacquare abbondantemente con acqua fredda.

Candeggina come sporacida e fungicida

Essendo uno sporacida, è possibile usare la candeggina come rimedio anti muffa sulle pareti. Uno dei metodi più veloci e semplici per far sparire le macchie di muffa causate dall’eccessiva umidità dell’ambiente è infatti l’uso della candeggina, applicata direttamente sulle macchie di muffa di pareti e superfici di casa. Usate la candeggina diluita e nebulizzata direttamente sulle macchie, lasciandola agire per qualche minuto. Eliminatela poi con panno asciutto e senza lasciare umidità e fate areare benissimo gli ambienti.

Candeggina per i fiori recisi

I fiori freschi recisi prosperano più a lungo quando si aggiunge un quarto di cucchiaino di candeggina per litro d’acqua. Un’altra soluzione è quello di mescolare tre gocce di candeggina con un cucchiaino di zucchero per un litro d’acqua, così da prevenire la formazione dell’acqua torbida.

Candeggina per pulire la lavastoviglie

Il ristagno di acqua e sporcizia può causare la formazione di muffe anche nella lavastoviglie. Soprattutto nelle guarnizioni degli elettrodomestici, le colonie di muffe si annidano proprio perché quello è un punto nel quale l’acqua resta più a lungo. Inoltre la candeggina aiuta a togliere i cattivi odori dai tubi di ristagno. Per pulire la lavastoviglie dalle muffe basta mettere un misurino di candeggina in un lavaggio a vuoto o, in alternativa, diluire la candeggina con l’acqua e passarla con una pezza all’interno dell’elettrodomestico e sulla guarnizione.

Candeggina, le precauzioni d’uso

La candeggina e le soluzioni di ipoclorito di sodio (nome chimico della candeggina) sono irritanti e caustiche; è bene pertanto maneggiarle usando un paio di guanti di gomma e avendo cura di evitare il contatto con gli occhi. Non devono inoltre essere mescolate né all’acido cloridrico (acido muriatico per gli usi domestici) con cui sviluppano cloro tossico, né all’ammoniaca, con cui sviluppano clorammine irritanti, né all’etanolo. Le soluzioni di ipoclorito di sodio sono sensibili alla luce e al calore e hanno una durata limitata nel tempo: devono quindi essere conservate al riparo dalla luce e lontano da fonti di calore. Se la acquistate in supermercato è meglio preferire i prodotti confezionati in bottiglie non trasparenti, in grado di proteggere il prodotto dalla luce.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA