Sanremo 2023, Amadeus svela il suo sogno: “Chi vorrei portare al Festival”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Sul numero di Chi in edicola da mercoledì 1 febbraio, il conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo Amadeus, scopre le sue carte. “La conduzione in coppia con Morandi? Amo condividere. Se fossi un calciatore sarei uno che si diverte a mandare in gol i compagni di squadra. Mi piace sempre arricchire lo show, e Morandi è un grande regalo per il pubblico”.

Di Chiara Ferragni: “È stata carina, ha già fatto gruppo con le altre ragazze. Non la conoscevo personalmente, anche se l’ho invitata ogni anno perché la considero molto forte. Quando l’ho chiamata per il quarto anno consecutivo, mi ha detto: ‘Incontriamoci, ho visto il Festival e ho notato il cambiamento, mi piace guardarlo e sono entusiasta della tua proposta'”. E aggiunge: “Ogni ragazza (la Ferragni, Francesca Fagnani, Paola Enogu, Chiara Francini, n.d.r.) farà un monologo su un tema preciso. La vera rivoluzione era quella di dare uno spazio importante su questo palco a tante donne che potessero raccontare una propria storia, lanciando spunti di riflessione e portando qualcosa di importante che sentono vicino alla loro sensibilità, una propria battaglia”.

Della discussa ospitata del leader ucraino Zelensky, Amadeus dice: “Siamo in contatto, ho chiesto di essere presente con un messaggio registrato. Deve essere un messaggio di pace, andrà in onda nella serata del sabato dopo le 28 esibizioni dei cantanti in gara. Comprendo e non mi meraviglio che il suo intervento possa dividere, ma tutte le guerre sono orribili e abbiamo il dovere di non dimenticarlo”.

Amadeus, direttore artistico di Sanremo 2023.

Amadeus, direttore artistico di Sanremo 2023.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2023, Zelensky al Festival? La speranza di Al Bano.

Amadeus svela a ‘Chi’ un sogno: Mourinho, ex allenatore dell’Inter: “C’è sempre stato il desiderio di averlo, sono un suo grande fan, ho chiamato mio figlio come lui, e tiferò le sue squadre. Mi piace il carisma, mi piace come si relaziona con il pubblico. Mi piacciono le persone con una forte personalità. Non ho fatto un invito ufficiale, ma non nascondo che mi piacerebbe averlo ospite. Così come due anni fa ho avuto Sinisa Mihajlovic, che amavo molto perché era carismatico, come Ibrahimovic, persone generosissime, di grande umanità”.

Su Anna Oxa e Grignani, Amadeus dice: “Sono due grandissimi artisti, li ho incontrati molte volte, hanno due canzoni importanti. Ho sempre rispetto per gli artisti, possono avere una stravaganza o una debolezza, ma hanno un gran desiderio di fare bene e di essere applauditi. Non sono preoccupato e non li ho invitati per far esplodere una bomba. Così come non l’ho fatto con Morgan, lo avevo invitato perché trovavo bellissima quella canzone».
E sulla sfida a tre fra Mengoni, Giorgia e Ultimo per la vittoria finale, dice: «Ho spiegato a ciascuno di loro che Sanremo è la luce più forte, da un punto di vista dello spettacolo. C’è una gara, ma la verità è che tutti hanno la possibilità di rappresentare la propria musica davanti a milioni di telespettatori. L’anno scorso Gianni è arrivato terzo e ha fatto un Festival pazzesco, così come lo ha fatto Massimo Ranieri. A Giorgia ho detto: ‘Tu sei Giorgia e rimarrai Giorgia, il Festival può solo aggiungere qualcosa'”.

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Beatrice Luzzi nelle ultime settimane si era notevolmente riavvicinata a Giuseppe Garibaldi, confermando i passi avanti nel loro rapporto che c’erano stati nell’ultimo periodo trascorso insieme nella ‘Casa’ del “Grande Fratello“. Lei era stata certamente più cauta in merito all’evoluzione della situazione, ribadendo ancora una volta quanto le loro vite siano diverse e difficili da […]