14 Giugno 2022 |

Aborto, in calo in tutta Italia, ci ricorrono più le straniere

di Redazione

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Nel 2020 sono state notificate 66.413 interruzioni volontarie di gravidanza (IVG), confermando il continuo andamento in diminuzione del fenomeno (-9,3% rispetto al 2019) a partire dal 1983.

Lo evidenziano i dati della Relazione trasmessa al Parlamento sull’attuazione della Legge 194/78. Il tasso di abortività (N. IVG rispetto a 1.000 donne di età 15-49 anni residenti in Italia), che è l’indicatore più accurato per una corretta valutazione del ricorso all’aborto, conferma il trend in diminuzione del fenomeno: è risultato pari a 5,4 per 1.000 nel 2020 (con una riduzione del 6,7% rispetto al 2019). Il dato italiano rimane tra i valori più bassi a livello internazionale. Nel 2020 il numero di IVG è diminuito in tutte le aree geografiche.

I dati sono stati raccolti dal Sistema di Sorveglianza Epidemiologica delle IVG, attivo in Italia dal 1980, che impegna l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), il Ministero della Salute e l’Istat da una parte, le Regioni e le Province autonome dall’altra.

Nel 2020 anche i servizi e il personale impegnati nello svolgimento delle IVG sono stati coinvolti dall’emergenza pandemica da COVID-19. Il Ministero della Salute, fin dall’inizio della pandemia, nelle Linee guida per la rimodulazione dell’attività programmata differibile in corso di emergenza da COVID-19, ha identificato l’interruzione volontaria di gravidanza tra le prestazioni indifferibili in ambito ginecologico.

Le Regioni hanno reagito prontamente all’impatto della pandemia da COVID-19 con la riorganizzazione dei servizi, come rilevato dall’indagine ad hoc predisposta dall’Istituto Superiore di Sanità. Il ricorso all’IVG nel 2020 è diminuito in tutte le classi di età rispetto al 2019, in particolare tra le giovanissime. I tassi di abortività più elevati restano nelle donne di età compresa tra i 25 e i 34 anni.

Tra le minorenni, il tasso di abortività per il 2020 è risultato pari a 1,9 per 1.000 donne, valore inferiore a quello del 2019. Come negli anni precedenti, si conferma il minore ricorso all’aborto tra le giovani in Italia rispetto a quanto registrato negli altri Paesi dell’Europa Occidentale. Le cittadine straniere continuano ad essere una popolazione a maggior rischio di abortire rispetto alle italiane: per tutte le classi di età le straniere hanno tassi di abortività più elevati delle italiane di 2-3 volte. Anche in tale gruppo di popolazione si osserva tuttavia una diminuzione del tasso di abortività (12,0 per 1.000 donne nel 2020, rispetto a 17,2 per 1.000 donne nel 2014).

LEGGI ANCHE: Valeria Marini: “A 15 anni ho avuto un aborto senza saperlo”