Vene varicose, quali sono le cause? E i rimedi?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Le vene varicose sono estremamente comuni e sono localizzate sulla parte posteriore dei polpacci o lungo l’interno cosce. Si tratta di vene dilatate che possono apparire di color carne, viola scuro oppure blu. Consulta il tuo dottore se presenti alcuni sintomi, perché potrebbero essere altresì indice di ulteriori ed in certi casi più gravi disturbi.

Vene varicose: fattori di rischio

Sono numerosi i fattori di rischio:

  • Età,
  • famigliarità (avere membri della famiglia con problemi venosi o nati con valvole venose poco elastiche),
  • cambiamenti ormonali, che si verificano durante la pubertà, la gravidanza, e in menopausa
  • Assunzione di pillole anticoncezionali e di altri medicinali contenenti estrogeno e progesterone aumenta
  • il rischio di comparsa delle vene varicose;
  • gravidanza, durante la quale si verifica anche un considerevole incremento della quantità circolante di sangue nel corpo e questo può determinare la dilatazione delle vene.
  • obesità, ferite alle gambe, prolungata stazione eretta ed altri fattori che possono indebolire le valvole delle vene,
  • esposizione al sole

Sintomi

  • Comparsa di grosse vene visibili sulla pelle, leggero gonfiore delle caviglie e dei piedi, gambe doloranti o ‘pesanti’,
  • dolori o crampi alle gambe,
  • prurito alle gambe, specialmente nella parte inferiore e alle caviglie (tale sintomo è in certi casi erroneamente diagnosticato come sintomo da pelle secca),
  • pelle scolorita nella zona intorno alle vene varicose.

I capillari invece si formano generalmente nella parte alta del corpo, incluso il viso. Segni classici sono le vene blu e rosse raggruppate a come una ragnatela, che si manifestano sulle gambe e sul viso.

 

Esame fisico

Per riscontrare la presenza di varici il medico esamina le tue gambe mentre sei in piedi o seduto con le gambe penzoloni, ti porrà alcune domande relativamente ai segni e ai sintomi che si sono manifestati, incluso ogni tipo di dolore di cui hai sofferto.

Test diagnostici e procedure

Doppler ad ultrasuoni: il tuo medico ti può raccomandare un eco-doppler per controllare il flusso di sangue nelle vene e per verificare la presenza di eventuali coauguli di sangue. Un’ecografia doppler si avvale delle onde sonore per fornire le immagini dei flussi interni del corpo. Durante questo test un dispositivo palmare verrà posizionato sul tuo corpo e mosso avanti e indietro sulla zona colpita. Un computer convertirà le onde sonore in un’immagine che riproduce il flusso sanguigno di arterie e vene.
Angiogramma: benché meno comune, il tuo dottore può richiedere un angiogramma per ottenere una visione più dettagliata del flusso di sangue nei vasi sanguigni. Per questa procedura viene iniettato un colorante nelle vene, che consente di delinearle su immagini radiografiche.

Cura e rimedi

Non tutti i casi di vene varicose sono uguali e non esiste quindi un approccio necessariamente migliore in assoluto; la valutazione del medico è fondamentale per orientare la cura verso la scelta del trattamento più adatto al singolo paziente.

Non tutti i casi necessitano di trattamento, in quanto in assenza di disturbi spesso non è richiesta alcuna terapia. Ma qualora vi siano dei sintomi che sono più fastidiosi, è necessario consultare uno specialista.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]

Foto di Tirachard Kumtanom: Il trekking è un’attività perfetta per chi ama camminare e non vuole rinunciare a vivere, durante la bella stagione, qualche avventura in mezzo alla natura. Appagante e divertente, può essere effettuata praticamente da chiunque, anche dai più piccoli e da chi non è particolarmente esperto, a patto, naturalmente, di scegliere il […]

Oggi, 28 giugno, la Commissione Europea ha dato il via libera al primo vaccino contro il virus chikungunya, una malattia trasmessa dalle zanzare infette. Il vaccino, chiamato Ixchiq e sviluppato da Valneva, è stato approvato per l’uso in adulti dai 18 anni in su. Nonostante la chikungunya non sia endemica nell’Unione Europea, l’esecutivo comunitario ha […]