Bufera su H&M, e sul nuovo catalogo di “taglie medie”

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

H&M finisce nell’occhio del ciclone mediatico: a scatenare l’ira dei clienti più affezionati è il nuovo catalogo in cui l’azienda definisce “plus size” taglie oggettivamente medie. E in effetti, le modelle immortalate negli scatti pubblicati sul catalogo hanno poco a che fare con quelle che collettivamente vengono definite taglie forti, a meno che le regole siano cambiate e una 42 italiana non sia già una taglia “over”.

Un cliente dopo aver preso visione della nuova collezione H&M sul catalogo che l’azienda ha spedito, ha cinguettato a gran voce “Dovreste vergognarvi a definire queste come taglie forti”, “Non c’è da stupirsi che le ragazze pensino di dover apparire in un certo modo”, ha aggiunto un altro. Polemica che ha superato i confini del web ed è arrivata anche nel paese del magnate del low cost, grazie all’intervento dell’avvocato Emma Igelström: “H&M deve assumersi le proprie responsabilità. É lo sponsor per la squadra olimpica svedese e chiamando taglie forti queste ragazze rafforza l’idea che le donne ideali sono super-magre

H&M ha immediatamente rilasciato una dichiarazione, in risposta alle critiche, sostenendo che tutte le modelle della sezione “taglie forti” indossavano almeno una taglia 44, lo standard per l’abbigliamento taglie forti. In ogni caso, un rappresentate dell’azienda ha detto che il tutto è comunque soggetto a libera interpretazione dato che le modelle presenti nella sezione “plus size” avrebbero facilmente potuto indossare una taglia media, cosa che a quanto pare taglia la testa al toro spegnendo ogni polemica.

Ma qual è davvero il punto della questione? Il problema è delle aziende tessili che hanno riclassificato il concetto di “taglia forte” o di chi  vive con frustrazione un sistema che fa la differenza tra “regolare” e “plus size”? A voi l’ardua sentenza.

LEGGI ANCHE:

Abercrombie & Fitch nell’occhio del ciclone: no alle taglie XL per le donne

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Tra le tendenze più diffuse nel 2024 c’è anche lo stile boho-chic, che con i suoi abiti vaporosi ed eterei, ispirati agli anni ’70, e l’uso di materiali naturali tornerà a dominare le passerelle, dopo essere comparso sulla scena intorno ai primi anni 2000, indossato da modelle come Kate Moss, Sienna Miller e le gemelle […]

Il 3 giugno 1946 è una data storica per il mondo della moda. A Parigi, il designer di moda Louis Réard presentava per la prima volta il bikini, un indumento destinato a rivoluzionare per sempre non solo l’abbigliamento da spiaggia, ma anche il concetto di femminilità e libertà. Secondo la professoressa Valeria Magistro, docente di […]

La stagione primavera-estate 2024 si preannuncia ricca di stile e innovazione, con tendenze che abbracciano la tradizione, il minimalismo e l’avanguardia. Se vuoi essere al passo con le ultime novità della moda, ecco i 20 trend da seguire per un look impeccabile. Trasparenze e tessuti leggeri Questa primavera l’effetto vedo-non vedo la fa ancora da […]