02 luglio 2018 |

Calendario della gravidanza: a cosa serve e come organizzarlo

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Tutto sul calendario della gravidanza: a cosa serve, come organizzarlo e cosa scriverci. E’ uno strumento che può essere utile anche per il vostro ginecologo: ecco tutto quello che dovete sapere.

Il calendario della gravidanza è uno strumento fondamentale per tutte le donne in dolce attesa. Ecco una semplice guida per capire a cosa serve e come organizzarlo al meglio.

Avere un’agenda della gravidanza è importante, non solo per annotare sintomi e cambiamenti del proprio organismo ma soprattutto per appuntarsi in modo semplice e veloce date e risultati degli esami. Oggi esistono anche pratiche applicazioni per smartphone che, oltre ad un pratico datario, offrono consigli sul come affrontare la gravidanza. Tuttavia, per avere sempre sottocchio tutte le annotazioni, il classico calendario appeso al frigorifero è ancora il più utilizzato.

La prima operazione da fare è quella di scegliere un calendario, possibilmente con le celle ampie per poter inserire le proprie annotazioni. È però importante fare una suddivisione in tre trimestri così distribuiti:

  • Primo trimestre: dalla prima alla dodicesima settimana
  • Secondo trimestre: dalla tredicesima alla ventiseiesima settimana.
  • Terzo trimestre: dalla ventisettesima alla quarantesima settimana.

Le annotazioni sul calendario della gravidanza sono certamente personali ma ovviamente ce ne sono alcune che hanno una maggiore importanza, quelle che scandiscono le fasi principali del periodo della gestazione.

Tenere un diario sulla comparsa e successiva scomparsa di determinati sintomi può rappresentare un’ottima traccia da offrire al proprio ginecologo il quale, attraverso queste informazioni, saprà suggerirvi i giusti consigli per far fronte ai tipici disturbi della gravidanza. Anche prendere nota del cambiamento corporeo, inteso come dimensioni e peso, è estremamente importante poichè imparare a seguire una buona dieta alimentare è fondamentale per il benessere del proprio pargolo.
Nel calendario della gestazione andremo sicuramente ad annotare anche tutte e date in cui dobbiamo sottoporci agli esami da fare in gravidanza.

Chiaramente, a queste si aggiungono più comunemente quelle relative allo sviluppo del feto, dalle dimensioni alla prima formazione degli organi, passando dal peso.

Tale calendario poi, diventerà certamente un prezioso ricordo da conservare per tutta la vita!

LEGGI ANCHE:

Pancia al nono mese di gravidanza, le caratteristiche dell’ultimo mese di gestazione
Amore avremo un bambino, impariamo il vocabolario della gravidanza

Potrebbe interessarti anche