OTB Foundation lancia un bando da 200 mila euro per l’empowerment femminile e giovanile

di Romina Ferrante


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Per migliorare la vita delle donne e dei giovani che versano in condizioni di discriminazione ed esclusione, OTB Foundation (Only The Brave Foundation), con il supporto tecnico di con il supporto tecnico di Italia non profit, ha lanciato il nuovo bando “Empowerment giovanile e femminile”, che mette a disposizione un contributo a fondo  perduto di 200 mila euro.

L’obiettivo è fornire un aiuto concreto a tutte quelle organizzazioni, che quotidianamente sono dalla parte delle donne e dei giovani che vivono in condizioni di svantaggio sociale.

Gli ambiti di intervento

Per raggiungerlo il bando finanzia due ambiti distinti. Da un lato le risorse economiche saranno destinate a progetti e iniziative rivolti al miglioramento della condizione femminile nei Paesi in cui le donne si trovano a vivere in contesti di fragilità, discriminazione e privazione delle libertà e dall’altro ad interventi per incentivare la formazione e l’inserimento nel mondo del lavoro di giovani (tra i 12 e i 17 anni), che vivono per strada a causa di conflitti, emergenze, povertà.

Chi può partecipare al bando

All’avviso potranno partecipare tutte quelle organizzazioni con progetti all’estero, ma con sede legale in Italia, che presentino tutti i requisiti formali e sostanziali coerenti con il Regolamento.

In particolare, saranno ammessi:

  • le organizzazioni singole formalmente costituite, di natura privata, con sede legale in Italia e senza scopo di lucro;
  • i partenariati formali di enti, che possono anche includere organizzazioni con sede legale all’estero. In caso di partnership l’ente “capofila” e i partner devono presentare i caratteri di ammissibilità definiti all’interno del Regolamento.

Come presentare domanda

Le candidature potranno essere trasmesse entro le ore 14.59 del 26 Gennaio 2023 attraverso la procedura online disponibile sul sito OTB Foundation.

Cosa fa OTB Foundation

Only The Brave Foundation, la Fondazione del gruppo OTB (Diesel, Maison Margiela, Marni, Jil Sander, Viktor&Rolf, Amiri, Staff International, Brave Kid), è nata nel 2008 con lo scopo di agire in modo pronto e deciso in situazioni di emergenza e migliorare la vita delle persone in maniera sostenibile garantendo loro uguali opportunità.

La fondazione da anni promuove progetti destinati a favorire il miglioramento dell’istruzione, della cultura, dell’integrazione, della cura per l’ambiente e la sostenibilità, così come l’attenzione rivolta alle donne.

Un lavoro prezioso, reso ancora più necessario in un contesto così difficile come quello attuale, caratterizzato da continue emergenze e urgenze nazionali e internazionali, che non fanno altro che aggravare bisogni sociali già presenti, generandone di nuovi.

LEGGI ANCHE: DONNEPERSTRADA, l’associazione di donne che aiuta le donne

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Negli ultimi anni, il termine “thrifting” è entrato nel lessico comune, soprattutto tra i giovani e gli appassionati di moda. Ma cosa significa esattamente thrifting e perché sta diventando una tendenza così popolare? Il thrifting, in parole semplici, è l’arte di trovare capi d’abbigliamento, accessori e altri articoli di seconda mano, spesso a prezzi molto […]

Tra le tendenze più diffuse nel 2024 c’è anche lo stile boho-chic, che con i suoi abiti vaporosi ed eterei, ispirati agli anni ’70, e l’uso di materiali naturali tornerà a dominare le passerelle, dopo essere comparso sulla scena intorno ai primi anni 2000, indossato da modelle come Kate Moss, Sienna Miller e le gemelle […]

Il decluttering, termine inglese che si può tradurre come “fare ordine“, è una pratica sempre più diffusa che mira a eliminare il superfluo per fare spazio al necessario. In un’epoca in cui siamo continuamente bombardati da oggetti, informazioni e stimoli visivi, la necessità di semplificare la nostra vita diventa sempre più pressante. Ecco perché è […]

Il 3 giugno 1946 è una data storica per il mondo della moda. A Parigi, il designer di moda Louis Réard presentava per la prima volta il bikini, un indumento destinato a rivoluzionare per sempre non solo l’abbigliamento da spiaggia, ma anche il concetto di femminilità e libertà. Secondo la professoressa Valeria Magistro, docente di […]