Gianluca Grignani: “Vi racconto come Lucio Dalla mi ha salvato”

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Gianluca Grignani ha recentemente pubblicato la sua autobiografia “Residui di rock’n’roll”, in cui narra le esperienze più intense e talvolta drammatiche della sua vita. Scopriamo, di seguito, alcune delle sue rivelazioni più toccanti.

Le rivelazioni di Gianluca Grignani

In un’intervista a Repubblica, l’artista ha condiviso alcuni dei momenti più significativi del libro, inclusi dettagli su come Lucio Dalla lo abbia aiutato a superare periodi difficili. Nel libro, Gianluca Grignani racconta dell’arresto nel 2014 e delle sue fughe in Sudamerica e Giamaica. Racconta di come, tornato a Londra con capelli rasta, decise di tagliarli e farsi biondo platino prima di incontrare i discografici, tra cui Franco Battiato.

L’incontro con Franco Battiato

 “Avevo fatto i capelli rasta e passai da un parrucchiere per sistemarli, erano troppo intrisi di catrame. Decido di tagliare tutto e di farmi biondo platino. Solo che nell’ufficio dei discografici c’era anche Franco Battiato. Mi vide e fece una mossa alla Mick Jagger“ si legge nel libro.

 Gianluca Grignani e la canna con Pino Daniele

Inoltre, l’incontro con Pino Daniele è uno dei momenti più memorabili: “Pino, ci facciamo una canna?” chiese Grignani, ricevendo una risposta ironica dal leggendario musicista napoletano. “Guagliò, io nella mia vita mi sono già fumato tutti i Campi Flegrei…“.

Gianluca Grignani “Lucio Dalla mi ha salvato la vita”

Uno degli episodi più toccanti è l’incontro con Lucio Dalla durante un concerto dei Pearl Jam. Grignani ricorda un Eddie Vedder ubriaco sul palco e un pubblico che pogava male, quando improvvisamente fu chiamato da Dalla. Quell’incontro fu fondamentale per Grignani. “Era lì, si stava divertendo. Mi ha insegnato a non aver paura” racconta il cantautore.

Il “lato oscuro” di Grignani

Grignani non nasconde il lato oscuro della sua vita, affrontando apertamente le sue dipendenze. Nel capitolo intitolato “Il mostro”, descrive l’uso di droghe e le speculazioni nate intorno alla sua figura pubblica. La sua scelta di narrare queste esperienze in modo quasi narrativo offre un’introspezione sincera e personale, mostrando il suo desiderio di raccontare la verità. Durante l’intervista ha rivelato: “Dovevo raccontare la mia versione. Solo che ho scelto di farlo in maniera quasi narrativa. Anche perché se dovessi essere più preciso farei finire la favola di qualcuno“.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria