26 Marzo 2020 |

Lievito madre, la ricetta e il procedimento per prepararlo

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Il lievito madre ha bisogno di tempo, cura e attenzione, ma i risultati valgono lo sforzo!

Decidere di preparare in casa il lievito ed evitare quello chimico comporta una serie di vantaggi innegabili, non solo economici. Il lievito madre fatto in casa vi permetterà di avere un prodotto naturale, genuino e controllato, ma prepararlo non è semplice: servono cura, tempo e attenzione, sia nel momento in cui si inizia, sia per mantenerlo, dopo.

Il lievito madre non è un sostituto del normale lievito, come può esserlo il bicarbonato di sodio, ma è la base, la partenza, per preparare alimenti lievitati in casa facendo fermentare semplicemente acqua e farina. Vi spieghiamo anche come conservarlo.

Lievito madre fai da te: ricetta e preparazione

Ingredienti

  • 200 grammi di farina 0 oppure di farina  1
  • 100 grammi di acqua

Preparazione

  • impastate acqua e farina fino ad ottenere un composto liscio e non appiccicoso
  • formate una palla, mettetela in un contenitore di vetro, coprite con un pano umido e lasciate riposare almeno 48 ore in un luogo riparato

Da questo momento, il lievito andrà “rinfrescato” aggiungendo farina e acqua, in questo modo:

  • al lievito già pronto, aggiungete la stessa quantità di farina pari al peso del lievito stesso e il 50% di acqua (esempio: se il lievito acido pesa 200 grammi,dovrete aggiungere 200 grammi di farina 100 grammi di acqua)

Se non volete esagerare con la quantità di lievito da ottenere, potete prelevarne solo una piccola parte dal panetto acido giù pronto. Il lievito va rinfrescato in questo modo ogni 4 o 5 giorni per evitare che i batteri buoni si “addormentino”, rendendo nullo l’effetto lievitante. Per conservare al meglio il lievito madre, potete avvolgerlo in un panno di cotone pulito e privo di profumazioni e legarlo con un filo, senza stringere troppo. Potete lasciare il lievito madre a temperatura ambiente o in frigo e, se non avete intenzione di usarlo entro pochi giorni, potete congelarlo.