Il trasportino per i gatti: la normativa e i dispositivi

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Per trasportare il proprio gatto bisogna dotarsi dei corretti dispositivi di trasporto:

  1. Il gatto deve viaggiare in una gabbia rigida, possibilmente metallica, per metterlo al riparo in caso di incidenti.
  2. se il gatto è abituato a viaggiare e non soffre di mal d’auto, meglio una gabbia grande, in cui l’animale abbia agio e possibilita di muoversi, viceversa se il gatto è ai suoi primi viaggi e soffre di mal d’auto, meglio prediligere un trasportino di dimensioni ridotte
  3. un trasportino piccolo infatti induce nel gatto un senso di protezione e sicurezza maggiore, oltre a ridurne i movimenti anche involontari che potrebbero scatenare l’attacco di nausea
  4. se la nausea si manifesta in modo  forte, potrebbe essere utile pensare a una blanda sedazione in vista di viaggi particolarmente lunghi, da effettuarsi sempre e solo sotto controllo del proprio veterinario.

IL TRASPORTINO

Bisogna rivestire l’interno del traportino di fogli di giornale, che possano tamponare eventuali pipì o vomiti imprevisti. Mettete sempre nel trasportino qualcosa che faccia sentire al gatto l’odore di casa: la sua coperta preferita, una vostra maglietta sporca, i suoi pupazzi. L’odore è molto importante per il gatto perchè gli permette di riconoscere un luogo come familiare; per i gatti infatti la memoria olfattiva è più importante di quella visiva.

LA NORMATIVA IN MATERIA DI VIAGGI

È meglio consultare la normativa in materia di viaggi. Per viaggiare all’interno dell’Unione Europea, il gatto necessita di un apposito microchip, che viene inserito sotto la pelle del gatto dal proprio veterinario curante. Deve, inoltre, possedere un passaporto di trasporto regolamente rilasciato dalla ASL locale e un attestato, contenuto nel passaporto, che certifichi la corretta esecuzione di tutte le vaccinazioni obbligatorie contro le principali malattie come leptospirosi e cimurro, oltre che la vaccinazione antirabbica. Gli animali devono inoltre essere sottoposti ad un trattamento con farmaci contro pulci e zecche.

Alice Savarese. Dottore in Medicina Veterinaria.
Responsabile Gatti PetPRO.
www.petpro.it

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Chi vive in città costiere è abituato alla presenza dei gabbiani, ma negli ultimi anni questi uccelli si sono adattati anche agli ambienti urbani, diventando una presenza costante anche in città. Attirati dai rifiuti alimentari e dai luoghi di nidificazione sicuri, i gabbiani possono arrecare fastidio, disturbando con i loro richiami, danneggiando proprietà e lasciando […]

Entrare in una casa e notare che è in ordine mette subito di buonumore: il profumo, le superfici lucide, l’assenza di polvere aiutano a sentirsi a proprio agio e a far percepire l’ambiente come curato. Che vogliate farlo per voi stesse, per la famiglia o per gli ospiti dovete sapere che una delle prime cose […]

La sedentarietà prolungata e l’assunzione di una postura scorretta sono le principali cause dei problemi che coinvolgono la schiena. Per ridurre l’impatto di una seduta impropria si devono adottare delle adeguate contromisure sia sui luoghi di lavoro che nelle abitazioni private. La sedia ergonomica rappresenta la soluzione più appropriata perché è in grado di sorreggere […]

Alzi la mano chi non ha mai avvistato in casa un pesciolino d’argento. Questi insettini di colore argento, dal corpo sottile e allungato, noti anche con il nome scientifico di “Lepisma saccharina“, si nascondono in qualsiasi ambiente della casa. Abilissimi nello sgusciare via, i pesciolini d’argento sono ospiti non graditi in casa, nonostante siano in […]