Pensavano che Emily fosse stata uccisa ma non è così: si trova a Gaza

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Quasi un mese dopo l’atroce attacco dei terroristi di Hamas alle comunità del sud di Israele, che ha causato circa 1.400 vittime, la famiglia di Emily Hand, una bambina di 8 anni del Kibbutz Be’eri, è stata informata che la piccola non è stata uccisa nell’attacco come precedentemente creduto ma è stata portata a Gaza come ostaggio ed è viva.

L’orrore dell’attacco a Kibbutz Be’eri

In un’intervista rilasciata alla CNN il mese scorso, il padre di Emily, Thomas, ha raccontato che il giorno prima che i terroristi si infiltrassero nel kibbutz, la bambina stava facendo un pigiama party a casa di un’amica. Ha trascorso due giorni cercando la figlia fino a quando ha appreso che era stata uccisa. Tuttavia, l’uomo, con le lacrime agli occhi, aveva dichiarato ai giornalisti che la preferiva morta piuttosto che rapita dai terroristi: “Sorrisi perché era la migliore notizia tra quelle possibili… o era morta o era a Gaza ed è peggio della morte. Il modo in cui ti trattano: senza cibo e acqua”.

La Rivelazione dell’IDF

Nel corso dello scorso fine settimana, però, gli ufficiali dell’IDF (le forze armate israeliane) hanno informato la famiglia di avere commesso un errore nell’identificazione: Emily non è stata uccisa ma è ostaggio a Gaza. E ora i familiari della bambina, dopo un primo momento di shock, stanno lavorando incessantemente per assicurarsi il ritorno a casa della piccola. Hanno anche contattato i funzionari del governo irlandese perché Emily possiede la doppia cittadinanza.

L’Amore e la Speranza

Il papà di Emily, Thomas, ha raccontato che alla figlia piace ballare, cantare e suonare strumenti: “Fa qualsiasi cosa si prefigge e, se non ha successo al primo tentativo, continua a provare finché non ce la fa: è una vera leader, la gente è semplicemente attratta dal suo essere”.

Adesso la famiglia si aggrappa alla speranza che Emily sia effettivamente viva e che possa essere riportata in Israele il prima possibile.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Negli ultimi giorni, l’Italia ha registrato un aumento significativo dei casi di Covid-19, sorprendentemente collegato ai concerti di Taylor Swift tenutisi il 13 e 14 luglio 2024 allo Stadio San Siro di Milano. L’evento ha attirato oltre 130.000 fan da tutta Europa, creando una situazione che molti esperti di salute pubblica avevano previsto potesse comportare […]