Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Piante da balcone resistenti al sole [fOTO]

Hobby e Casa - 21 aprile 2014 Vedi anche: Hobby giardinaggio

Per avere un bel terrazzo fiorito durante l’estate dovete scegliere con cura le piante da balcone resistenti al sole, perfette per un balcone. Sono le piante mediterranee o le piante grasse, ma potete optare anche per rose o gerani.

Con l’arrivo dell’estate esplode la voglia dei terrazzi fioriti. Se anche voi avete l’hobby del giardinaggio e non sapete resistere alla tentazione di arricchire il vostro balcone di profumi e colori ecco qualche suggerimento nella nostra fotogallery. Per un balcone esposto a sud, e quindi è molto caldo, occorrere scegliere delle piante resistenti al sole. Ecco alcuni esempi.

  • Le piante da balcone più resistenti al sole sono quelle tipicamente mediterranee, come il Mirto e la Lantana, due piante sempreverde che durante l’estate hanno una fioritura bianca, o l’Hibiscus che per tutta l’estate regala fiori rossi o gialli.
  • Se hai poco spazio ed un’esposizione molto soleggiata è perfetta l’Erica che cresce bene anche in piccoli vasi ed in pieno sole. Ricorda però di annaffiarla regolarmente.
  • Un’altra pianta adatta ad un balcone al sole è il Solanum, un arbusto foglioso con due grossi vantaggi: non si danneggia se lasciato alla luce diretta e può stare all’aperto durante tutto l’anno.
  • Se ti piacciono le piante grasse può abbellire il balcone con diversi tipi di cactus o con alcune piante grasse fiorite, come ad esempio l’Echeveria.
  • Per un balcone più classico invece ricorda che gerani o rose non vanno mai fuori moda, soprattutto nella versione cadente. Anche le Surfinie o i fiori Tapien sono piante perfette per un coloratissimo balcone in pieno sole.
  • Infine se vuoi cimentarti con l’orto sul terrazzo, perché non provare a far crescere delle freschissime piante aromatiche? L’origano, l’erba cipollina o la ruchetta sono solo alcuni esempi di piante aromatiche molto resistenti a un clima soleggiato.

Articolo scritto da: Donatella M.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA