05 Luglio 2022 |

Le gravidanze sono più numerose in estate, perché succede?

di Redazione

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Foto di LAURENCE ROUAULT da Pixabay

Le gravidanze sono più numerose in vacanza. In particolare come conseguenza del primo rapporto sessuale delle ragazze.

Tuttavia, con la pillola e il preservativo, le adolescenti di oggi beneficiano di una protezione molto più efficace di quella delle loro donne o madri, come conoscere (più o meno) le date probabili dell’ovulazione. Senza, però, tenere conto del sole e dei cambiamenti di ritmo dovuti alle vacanze, due fattori noti che disturbano il normale funzionamento delle ovaie.

Ebbene, secondo uno studio, su 10mila ragazze incinte, in oltre il 99% dei casi la prospettiva di una gravidanza era inconcepibile. Sì, c’è l’aborto ma resta un atto pesante che può segnare la vita sessuale conscia o inconsia di una giovane donna, nonostante non abbia più l’aspetto sordido del passato quand’era clandestino.

Oggi, infatti, l’aborto è legale, almeno in Italia dal 1978 (la donna può richiedere l’interruzione volontaria di gravidanza entro i primi 90 giorni di gestazione per motivi di salute, economici, sociali o familiari). La famosa “pillola del giorno dopo” è disponibile senza prescrizione medica in tutte le farmacie. Un trattamento brevissimo, senza tanti effetti collaterali, con minime controindicazioni.

In America, però, le donne utilizzano un altro metodo, che ha il vantaggio di potere essere utilizzato poco dopo la pillola: l’inserimento di uno IUD, dispositivo intrauterino, chiamato anche con il nome di spirale contraccettiva, una soluzione efficace, indolore e sicura. Lo IUD agisce prevenendo la fertilizzazione e l’impianto dell’ovulo mentre non sembra interrompere una gravidanza in atto.

Comunque, se queste soluzioni possono risolvere potenziali drammi, non vanno considerate come mezzi contraccettivi ed è sempre meglio chiedere consigli al proprio ginecologo… Fonte: PourquoiDocteur.

LEGGI ANCHE: USA, Corte suprema abolisce il diritto all’aborto.