19 Luglio 2021 |

Spose bambine, Priyanka rifiuta di sposarsi e fonda un movimento

di Manuela Zanni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
  • Una 18enne in India rifiuta un matrimonio combinato e fonda un movimento per le spose bambine.
  • Priyanka Bairwa ha fondato “Rajasthan Rising” per sostenere l’istruzione femminile si è imposta sulle decisioni familiari e loro l’hanno capita.
  • Una scelta coraggiosa vista la poca considerazione del ruolo, dell’opinione e delle scelte della donna in determinati paesi.

 Priyanka Bairwa,  18 anni,  è una delle pochissime ragazze che ha avuto il coraggio di ribellarsi a un matrimonio combinato, mettendo in discussione le tradizioni del luogo e imponendosi sulle scelte che la famiglia aveva fatto per lei da quando aveva solo 15 anni.

La famiglia ha compreso  e l’ha sostenuta e dal suo rifiuto è nato un movimento per aiutare le spose bambine a dire no e sostenere l‘istruzione delle ragazze.

 Cosa è accaduto
Siamo a Sapotra, Rajasthan, nord-ovest dell’India: Priyanka appartiene a una famiglia dalit, una delle più povere e con maggiori difficoltà a livello economico e sociale. Ha solo 15 anni quando suo padre e suo madre iniziano a pensare al suo matrimonio. Eppure in India è un’età avanzata perchè, nella maggior parte dei matrimoni combinati, le spose bambine hanno solo 10 anni. Ma lei trova il coraggio il ribellarsi alle tradizioni del posto e rifiuta l’idea di sposare uno sconosciuto in giovanissima età.

Stop ai un matrimoni combinati

L’India è un Paese tristemente noto: le spose bambine sono spesso costrette ad accettare a causa di abusi fisici e psicologici che arrivano anche dai genitori. Non solo. Nel Paese la discriminazione di genere è ancora molto forte: le donne si ritrovano spesso a vivere in un contesto in cui a decidere è sempre e soltanto l’uomo.

Non è il caso di Priyanka: suo padre e sua madre, nonostante le pressioni iniziali e dopo aver scelto per lei un marito in un villaggio vicino, temendo che la figlia possa fare qualcosa di insensato, decidono di sostenere la sua scelta e di annullare quel matrimonio già organizzato.

Nell’ottobre del 2020, quando la pandemia da Covid sta devastando il Paese, Priyanka vede per la prima volta rispettare la sua volontà e ottiene anche il permesso dai genitori di continuare gli studi al college.


 Il movimento

La 18enne indiana ha deciso di rendere nota la sua storia fondando Rajasthan Rising, un movimento per sostenere le ragazze meno fortunate di lei. Obiettivo: incentivare l’istruzione femminile.

Un’iniziativa lanciata insieme a una decina di amiche. Un passo coraggioso e che, attraverso l’istruzione gratuita alle ragazze, vuole bloccare la pratica del matrimonio combinato e delle spose bambine.

Il diritto all’istruzione

“L’istruzione è un  diritto fondamentale e noi ragazze del Rajasthan chiediamo un’istruzione gratuita per tutti, indipendentemente dalla classe o dallo stato sociale” si legge  sul profilo social del movimento con il quale la giovane vuole cambiare i numeri del suo Paese: secondo il National Family Health Survey 2015-2016, il 35,4% delle donne tra i 20 ei 24 anni nello Stato si è sposato prima di compiere 18 anni, con un aumento secondo, secondo Childline India, proprio nell’estate dello scorso anno.

Ad oggi il Rajasthan Rising grazie a Priyanka Bairwa ha aiutato  1500 ragazze, non è ancora molto ma è, comunque, un primo passo importante verso un’India nuova che pone la donna al centro e non la soggioga.